23.o PREMIO FEDELTA’ ALLO SPORT, LUNEDI AL COUNTRY CLUB LA NUOVA ONDATA DI MITI

0
90
Lunedi sera (6 giugno), nel corso di una cena di Gala, torna il Premio Fedeltà allo Sport giunto alla 23.a edizione. Per la decima volta le premiazioni avranno luogo all’Hotel Country Club di Gragnano in una atmosfera incantata, calda ed accogliente, come è ormai consuetudine in questo Premio che ha visto sfilare a Lucca per l’unica volta i più grandi personaggi dello sport nazionali e internazionali. La sfinge d’oro coniata dall’artista lucchese Giampaolo Bianchi sarà consegnata per il ciclismo a Gianni Bugno, il tredicesimo campione del mondo a riceverla. Bugno e Paolo Bettini sono gli unici due italiani ad aver vinto due volte il titolo mondiale su strada negli ultimi 90 anni. Altro mito dello sport pronto a ricevere il Premio è Riccardo Ferri, uno fra i più grandi stopper di tutti i tempi, bandiera dell’Inter ed a lungo colonna difensiva della nazionale, vincitore in carriera di uno scudetto e due Coppe Uefa in maglia nerazzurra e terzo classificato ai mondiali del 90, oggi apprezzato opinionista nei canali Mediaset.
PAOLA CARDULLO LA PALLAVOLISTA AL MONDO CON PIU’ ONORIFICENZE
Gli appassionati di volley sono pronti ad accogliere con una standing ovation la pallavolista con maggiori onorificenze al mondo di tutti i tempi: Paola Cardullo. Bassa di statura, è alta 1,62, ma la più grande e spettacolare nella difesa della nazionale italiana e nelle squadre di club in cui ha giocato. A livello personale non le manca niente per essere considerata il più forte libero del mondo di sempre. Miglior libero alle Olimpiadi, ai campionati mondiali, alla World Grand Prix, in due campionati europei, in tre Champions League, in Coppa Cev, nella Top Team Cup, nei campionati italiani e francesi, in Coppa Italia, nella Supercoppa Italiana. Il biglietto valeva la pena pagarlo per le emozioni che suscitava sui taraflex e parquet di tutto il mondo. Oggi quarantenne, ha attaccato da poco tempo le scarpette al chiodo. L’unico libero al mondo che può avvicinarsi a lei nelle onorificenze è la cinese Lin Li, di dieci anni più giovane.
Alla serata di lunedi che vedrà ancora una volta il sindaco di Capannori Luca Menesini partecipante come primo cittadino del territorio ospitante, ci sarà anche il delegato provinciale del Coni Stefano Pellacani assieme ai numerosi soci onorari, alcuni dei quali come Francesco Franceschini, Francesco Donati, Pierluigi Pol e Umberto Stefani presenti fin dalla prima edizione. Fra i premiati anche Stefano Allocchio, un ex velocista ed oggi direttore di corsa di Giro d’Italia, Milano Sanremo, Giro di Lombardia, Tirreno Adriatico e di tutte le corse RCS. Altro personaggio ciclistico rimasto nel cuore degli sportivi italiani è Claudio Chiappucci, soprannominato “El Diablo”. Uno di quei campioni che trascinava l’entusiasmo degli appassionati di ciclismo per la sua tenacia e generosità. Ciclismo ancora protagonista con Paolo Cimini, l’unico romano negli ultimi 65 anni ad aver vinto una tappa al Giro d’Italia e lo fece in maglia Fanini. Lo stesso Ivano Fanini, socio onorario del Premio, sarà ricordato per essere il presidente ciclistico più longevo al mondo grazie ai 37 anni di professionismo con le sue squadre. Lucca deve molto ad Ivano dal momento che grazie a lui può vantare titoli mondiali della pista, campionati italiani e tante classiche conquistate a livello nazionale ed internazionale, oltre ai numerosi successi nelle tappe del Giro d’Italia.  Fra gli altri premiati: Fiorenzo Alessi, ex ciclista ed avvocato difensore di Marco Pantani, Marcello Bartalini (trentasettesimo campione olimpico a ricevere la sfinge d’oro), il presidente della Gesam Gas e Luce Rodolfo Cavallo, l’unico ad aver vinto nel basket lo scudetto nella storia di Lucca. Grande entusiasmo anche per la premiazione di Nicola Larini per le sue imprese automobilistiche, compreso la partecipazione a 75 G.P. di Formula Uno. Il Volley oltre che da Paola Cardullo sarà rappresentato da Maila Venturi, la lucchesina volante che ha appena terminato il suo quarto campionato in A1, entrando nella cerchia dei migliori liberi italiani, da Paolo Gradi presidente della Nottolini e da Roy Tocchini presidente del Porcari Volley. Sfinge d’oro fra i giovani anche a Leonardo Simoni, figlio dell’indimenticato Gigi, attuale osservatore dell’Inter e sempre in viaggio nel cercare giovani promettenti per il futuro nerazzurro.
“Sono oltre 500 i personaggi pubblici dell’enciclopedia Wikipedia ad aver ricevuto il Premio Fedeltà allo Sport-dice l’organizzatore e fondatore Valter Nieri-le emozioni continuano grazie ai nostri soci onorari. Devo ringraziare-conclude- anche Stefano Bendinelli, entrato a collaborare nel Premio con grande competenza a livello ciclistico. Meriterebbe un incarico nella F.C.I.  a livello nazionale”
Tre i premi collaterali in questa edizione: il 7.o alla memoria dell’ex presidente della Lucchese Aldo Biagini ed il 1.o alla memoria di Alfio Castiglioni e Francesco Lombardi.
Presentatore della serata lo stesso Valter Nieri assieme alla new entry dottoressa Maria Nieri.
Alla serata ci sarà anche il presidente onorario Stefano Gori, mentre le sorprese non sono ancora finite e verranno svelate soltanto all’ultimo momento.