Il 2020 del Basket Le Mura si chiude con una sconfitta: al PalaTagliate passa Campobasso

0
372

68-83(19-25, 34-40 e 50-59)

Gesam Gas e Luce Le Mura Luca: Azzi ne, Jakubcova 13, Cibeca ne, Pastrello 5, Russo 13, Orsili 7, Miccoli 14, Pallotta ne, Farnesi ne, Harper 8, Smorto 2 e Tunstull 6 Allenatore: Francesco Iurlaro

La Molisana Magnolia Campobasso: Maragoni 8, Gorini 16, Bonasia 5, Wojta 10, Quinonez 7, Sanchez 11, Bove, 2 Mancinelli 2, Giardina ne, Egwoh ne e Ostarello 22 Allenatore: Domenico Sabatelli

Arbitri: Di Toro, Miniati e Bettini

Nell’ultima sfida del 2020 la Magnolia Campobasso espugna Lucca con una prova convincente, trascinata da Gorini e da una Ostarello in versione deluxe (22 punti e 9 assist), mentre il Gesam Gas e Luce incassa la settima sconfitta di fila al termine di una settimana complicata caratterizzata dalla partenza di Spreafico. È questo il verdetto emesso dal parquet del Palatagliate, tornato ad ospitare dopo più di due mesi un match delle biancorosse. Stagione complessa per la squadra di coach Iurlaro a partire, per fare un riassunto delle puntate precedenti, dalla partenza imprevista lo scorso settembre di una delle due americane designate, ossia Dj Willams. Campobasso, invece, interrompe la striscia negativa e può guardare con rinnovata fiducia al 2021 che verrà grazie al rientro in pianta stabile di Wojta e Ostarello ed anche, soprattutto, all’innesto sotto le plance della lunga croata ex Ragusa e Broni Tikvic. Un girone di ritorno che si preannuncia da protagonista per il roster allenato da coach Sabatelli che mira ad entrare nelle magnifiche otto che si disputeranno i play-off. A condannare Lucca al quarto passo falso in altrettanti match interni sono state, oltre alla bella prova corale delle molisane, le percentuali al tiro: le ospiti hanno concluso con successo il 51% delle conclusioni da tre, 4 su 5 per Ostarello e 3 su 4 per Sanchez in tale fondamentale, contro il 33% siglato dalle locali. Non è bastato a Gesam Gas e Luce, puniti in più di una circostanza da pazienti conclusione arrivati sulla sirena dei 24 secondi, avere la supremazia a rimbalzi per portare dalla la sua la bilancia della gara. Miccoli (14 punti e sei rimbalzi), capitano di serata, ha provato a trascinare le sue compagne così come le rientranti Smorto, Orsili e Pastrello, non in perfette condizioni dopo il mese di stop, hanno fornito il loro contributo alla causa.

Lucca inserisce come quintetto iniziale Jakubcova, Tunstull, la rientrante Pastrello, Harper e Russo, mentre Campobasso risponde con Ostarello, Bove, Wojta, Gorini e Bonasia. Dopo un abbrivio favorevole alle biancorosse, salite sul 4-0, la partita nel primo quarto scorre via lungo i binari dell’equilibrio con i giri del motore della matricola ospite che inizia ad alzarsi per effetto di Gorini, decisiva nel sostituirsi inizialmente ad una Bonasia gravata di falli. Al primo tentativo di allungo di Campobasso sul 12-21, Lucca riesce a replicare con i punti, che saranno gli unici della serata, del tandem a stelle e strisce Harper-Tunstull. Sul 19-25 si apre il secondo quarto con Orsili che compie una giocata che frutta un gioco da tre punti. Dopo la tripla di capitan Miccoli che vale il momentaneo 25-25, l’equilibrio prosegue fino agli ultimi sgoccioli del periodo quando la Magnolia sfrutta la freschezza e la qualità della baby Quinonez, una 2006 dall’avvenire luminoso, capace di andare a bersaglio, a stretto giro di posta, dapprima con una tripla e poi con un canestro da sotto misura. Le due compagini vanno all’intervallo lungo sul 34-60. È, di fatto, la chiave di volta delle serata perché la Molisana inizia a bombardare dall’arco la difesa locale grazie alle bocche di fuoco Gorini, 16 punti, e Ostarello. Francesca Russo, una tra le più positive di Lucca, prova a suonare la carica con una tripla, venendo emulata da Miccoli. Sul 48-54, però, ancora una bomba di Ostarello ristabilisce le distanze.

I dieci minuti finali vedono Lucca restare in linea di galleggiamento per effetto di alcuni pregevoli canestri griffati Jakubcova ma il festival delle triple di marca molisana vede partecipare anche Bonasia e Sanchez che indirizzano così la partita. Finisce 68-83: per il Gesam Gas e Luce Le Mura Lucca non è tempo di abbattersi, sarebbe un errore madornale, perché il calendario offre la chance del riscatto tra quattro giorni contro la LupeBasket, ottava formazione della Serie A1 ed in netta risalita.

Foto Alcide Lucca