lunedì, Luglio 15, 2024
spot_imgspot_img

Latest Posts

A Maggiano e Pisa il Convegno Internazionale “Le parole per dirlo. La malattia mentale: luoghi, persone, narrazioni”

Venerdì 10 e  sabato 11 febbraio 

Le parole per dirlo: il rapporto fra letteratura e malattia mentale in un convegno a Pisa e a Maggiano con scrittori, studiosi e artisti 

Il Convegno Internazionale “Le parole per dirlo. La malattia mentale: luoghi, persone, narrazioni”, si svolgerà venerdì 10 febbraio a Maggiano (Polo didattico di S. Maria a 

Colle – Lucca) e sabato 11 a Pisa (Centro Congressi Le Benedettine)

Il primo riferimento letterario alla malattia mentale risale alla fine del Duecento, in un’opera fatta di brevi racconti, il Novellino: in una novella si narra di un medico di Bologna che fa fare un esperimento ai suoi studenti in un’aula universitaria. 

Da qui inizia il rapporto fra malattia mentale e letteratura, tema che sarà al centro del Convegno Internazionale Le parole per dirlo. La malattia mentale: luoghi, persone, narrazioni.

“E’ il primo convegno in Italia che si tiene sul rapporto tra malattia mentale e narrazione: quello che vogliamo indagare è come la malattia mentale venga restituita attraverso le parole degli autori e quindi in letteratura”, spiega Marina Riccucci, Professoressa di Letteratura italiana dell’Università di Pisa e curatrice dell’iniziativa.

La due giorni ospiterà scrittori come Paolo Milone (L’arte di legare le persone, Einaudi), Fuani Marino (Svegliami a mezzanotte, Einaudi), il saggista Stefano Redaelli (autore di Beati gli inquieti), Isabella Tobino, nipote dello scrittore Mario Tobino, nonché presidente della Fondazione Tobino, l’attrice Livia Castellana, nonché studiosi ed accademici come Giulio Ferroni, Valeria Paola Babini, Anna Segre.

Sono inoltre previsti momenti ‘teatrali’ dedicati all’opera di Tobino e una intervista in differita ad Ascanio Celestini, che proprio alla follia ha dedicato lo spettacolo teatrale La pecora nera, di recente diventato un film presentato alla Mostra del Cinema di Venezia.

“Nel Novellino il riferimento alla malattia mentale è di sole poche righe: per la prima attestazione letteraria vera e propria infatti bisogna aspettare il 1589, anno in cui Tommaso Garzoni pubblicò L’Hospidale de’ pazzi incurabilidescrizione di un manicomio nelle cui celle sono rinchiusi i rappresentanti, antichi e contemporanei, delle più diverse forme di follia” – continua Riccucci – “da quel momento, c’è una lunga pausa di silenzio, fino al 1953, anno in cui Mario Tobino pubblica il suo Libere donne di Magliano

Si tratta di un tema e di un ambito di ricerca che ha bisogno di studi e indagini: il Convegno Le parole per dirlo vuole essere il punto di partenza”.

Il Convegno Le parole per dirlo è promosso dal Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Pisa, dalla Fondazione Mario Tobino e ha il patrocinio del Comune di Lucca, dell’Azienda USL Toscana nord ovest, del network Mente in rete e della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

Convegno Internazionale  Le parole per dirlo.

La malattia mentale: luoghi, persone, narrazioni

10 e 11 febbraio 2023 (Maggiano e Pisa) 

Venerdì 10 febbraio

Maggiano, Auditorium presso il polo didattico di S. Maria a Colle

9:30 Apertura lavori

Saluti istituzionali:

Rettore dell’Università di Pisa, Prof. Riccardo Zucchi

Direttrice del Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica (Università di Pisa), Roberta Ferrari

Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini

Sindaco di Lucca, Mario Pardini

Direttrice Archivio di Stato di Lucca,Maria Sabrina La Pusata

Prima sessione: Per le antiche scale

Presiede: Isabella Tobino (Presidente della Fondazione Tobino)

Valeria Paola Babini (Università di Bologna), Mario Tobino e la storia della psichiatria italiana

Paul Crawford (Nottingham University), What’s Up with Everyone? Mental Health and Storytelling

Veronica Bagnai Losacco (Archivio di Stato di Lucca), Fondo Maggiano serie cartelle cliniche dell’Archivio di Stato di Lucca

Dario Filippi (Università di Salerno), Maggiano: cartelle cliniche e folklore

12.00-13.00: visita alla struttura storica del Manicomio di Maggiano e performance dell’attrice Livia Castellana (Omaggio a Mario Tobino)

13.00 Pausa pranzo – (c/o Anziani dell’Oltre-Serchio)

14.30 Ripresa dei lavori

Prima sessione: Storia, storie e cronache

Presiede: Marina Riccucci (Università di Pisa)

Gianluca Fulvetti (Università di Pisa), Guglielmo Lippi francesconi, Maggiano e la guerra

Alessandra Amorotti, Un caso privato: la donna che non c’era

Elisabetta Angrisano (Università di Salerno), Arte, follia e documenti negli Archivi dei manicomi della Toscana

Stefano Redaelli (Università di Varsavia), Tobino e Basaglia: il bene dei folli

Paolo Rissicini ed Elena Zamperini, Le pagine nere della 180: tra Tobino e la cronaca

16.00 Pausa caffè (c/o Anziani dell’Oltre-Serchio)

Seconda sessione: Maggiano

Presiede: Elisabetta Angrisano

Melissa Macrì, Il manicomio di Maggiano: Luigi Gasperetti, Enrico Pea e Mario Tobino

Matilde Cioni, Il libero ospedale di Tobino: una mostra virtuale

Paolo Buchignani (Università di Reggio Calabria), A spasso nell’Oltreserchio con Mario Tobino: lezioni di vita e di scrittura

Francesca Mennella, Un film mai realizzato: Tobino e Fellini

Paolo Milone (psichiatra e scrittore), I mondi senza parole

Lecturae Maggiani: Alice Fiumalbi, Margherita Galli e Andrea Colzi leggono il Mario Tobino medico e scrittore

Dibattito

18.30 Chiusura dei lavori

                                                  Sabato 11 febbraio

Pisa, Centro Convegni Le Benedettine, Aula A

 Apertura dei lavori: ore 9.00

Prima sessione: La malattia mentale nella letteratura italiana

Presiede: Giulio Ferroni (Università di Roma ‘La Sapienza’)

Lecturae Maggiani: Alice Fiumalbi, Margherita Galli e Andrea Colzi leggono il Mario Tobino medico e scrittore

Eleonora del Torto, Taddeo Alderotti e il Novellino: la prima menzione della malattia mentale nella letteratura italiana

Diana Di Matteo, La matta bestialità tra Dante, Boccaccio, Garzoni, Tobino e Todde

Sara Di Carlo, Poggio Bracciolini e il lessico nella Facezia dei ‘dementes et insanos’

Marina Riccucci, l’Hospitale di Tommaso Garzoni: un Maggiano e un Tobino ante litteram

Anna Segre (psicoterapeuta e scrittrice), Roberto Lorenzini e il suo “Psicopatologia generale”

10.40 Pausa caffè

Seconda sessione: Le parole per dirlo

Presiede: Paolo Milone

Giulio Ferroni (Università di Roma ‘La Sapienza’), Tobino, lo scrittore dell’empatia

Isabella Tobino, Il concorso medici-scrittori (1992-1997)

Mascia Cavalleri, Eduardo De Filippo, ‘Ditegli sempre di sì’: le parole adatte

Jenny Palermo, Manicomio e Lager: Angelo Del Boca e il suo libro del 1965

Francesco Marmorini, Biblioteche amene nei manicomi italiani: il caso di Arezzo

Maria Letizia D’Atri, Mario Tobino e il teatro “che è realtà”

Due parole con il regista e attore Ascanio Celestini: proiezione di un’intervista

12.30 Pausa pranzo

14.00 Ripresa dei lavori

Prima sessione: Tratteggiare la follia

Presiede: Anna Segre

M. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana) e la redazione di Psicoradio (Paolo Ferrara, Mattia Moro, La Revue Dessinée), Parole – e fumetti – per dirlo: il lavoro culturale contro i pregiudizi

Chiara Camerotto: Basaglia un fumetto

Nicola Filippi, Malattia mentale e omosessualità

Vincenza Fusaro, Carmelo Samonà: vincoli in ‘Fratelli’

Enrico Marchi (Università di Pisa), L’ultima chiave: la narrazione scenica per conoscere la storia di Maggiano

Martina Barone e Giulia Cava, Il Festival della canzone di Maggiano nei racconti dei pazienti

Andrea Buscemi (regista), Le libere donne di Magliano in scena

Performance dell’attrice Livia Castellana (Omaggio a Mario Tobino)

16.00 Pausa caffè

Seconda sessione: Nuove frontiere

Presiede: Enrico Marchi

Monica Marchi (Università di Siena), “Su questo diario, zeppo di troppi difetti, ho pur tentato di fermare la verità”. I diari inediti di Mario Tobino

Giacomo Doni (fotografo), Mente in Rete e i nuovi linguaggi in salute mentale

Barbara Guidi (Università di Pisa) e Paula Yoncheva, Prototipo di archivio digitale delle cartelle cliniche di Maggiano

Vincenzo Sansone, Il laboratorio ‘Occasioni’: parlare per immagini

Thérèse Descheemaeker (fotografa), Fotografare la follia

18:00 Demetrio Brandi (giornalista) a colloquio con Stefano Redaelli, Fuani Marino (scrittrice) e Paolo Milone

Dibattito

19.30: chiusura dei lavori

Latest Posts

spot_imgspot_img

Don't Miss

Stay in touch

To be updated with all the latest news, offers and special announcements.