Il celebre trombettista Éric Aubier tra gli ospiti del primo fine settimana del Festival Fiati all’ISSM “Boccherini”

0
94

Sabato 2 e domenica 3 ottobre alle 21 all’Auditorium di piazza del Suffragio

PRIMO FINESETTIMANA DEL “FESTIVAL FIATI” CON IL QUINTETTO DI OTTONI E PERCUSSIONI DELL’ORT E L’EVOLUZIONE DELL’OBOE NELLA STORIA DELLA MUSICA

Lucca, 1° ottobre 2021 – Debutto in grande per il neonato Festival Fiati dell’Istituto superiore di studi musicali “L. Boccherini”. Due i concerti in programma questo fine settimana, entrambi alle 21 all’Auditorium di piazza del Suffragio.

Sabato 2 ottobre, l’ospite d’onore della serata sarà il celebre trombettista francese Éric Aubier che suonerà insieme al Quintetto d’ottoni e percussioni della Toscana, ensemble composto da musicisti che ricoprono il ruolo di prime parti nell’ORT – Orchestra Regionale ToscanaNella formazione troviamo Luca Betti e Donato De Sena alle trombe, Paolo Faggi al corno, Antonio Sicoli al trombone, Riccardo Tarlini al basso tuba e Roberto Bichi alle percussioni. Éric Aubierprima tromba dell’Orchestra dell’Opéra di Parigi, è un solista di fama internazionale, considerato il rappresentante più eminente della scuola francese odierna di tromba. Docente anche alla Juilliard School di New York, in questi giorni è impegnato a Lucca per una masterclass al Boccherini. Il programma del concerto è di grande impatto e di facile ascolto, con l’esecuzione di alcune tra le più famose musiche per il cinema di compositori come Ennio Morricone, John Williams, Nino Rota e Hans Zimmer.

Domenica 3 ottobre, sempre alle 21 all’auditorium dell’istituto, “Giochi d’ancia” con Paolo Pollastri all’oboe e Rossella Giannetti al clavicembalo e pianoforte. Il duo guiderà il pubblico in un affascinante percorso musicale nella storia della musica attraverso strumenti d’epoca, seguendo l’evoluzione dell’oboe in particolare e degli strumenti appartenenti alla sua famiglia, dal Rinascimento ai giorni nostri. Il tutto sulle note di celebri compositori: dal Cinquecento di Giorgio Mainerio al Novecento di Bruno Maderna, passando per Jacques-Martin Hotteterre, Giuseppe Sammartini, Georg Philip Telemann, Johann Sebastian Bach, Wolfgang Amadeus Mozart, Robert Schumann.

I concerti sono a ingresso libero. Per accedere all’auditorium è necessario essere muniti di Green pass. È possibile prenotare online il posto in sala tramite la pagina biglietteria sul sito dell’istituto.