Tornati a Lucca sanificati i 3500 libri della biblioteca Giordano

0
30
Lucca – Dopo lunghi mesi di restauro, il patrimonio librario della Biblioteca Giordano dell’ex Ospedale Psichiatrico di Maggiano (sede della Fondazione Mario Tobino) è finalmente tornato da Roma. La ditta M.T.S., con la particolare attenzione del dott. Massimiliano Morelli,  ha effettuato interventi di spolveratura per l’asportazione dei depositi superficiali, delle spore, dei lieviti e delle muffe maggiormente evidenti sui volumi. 
Successivamente sono stati compiuti trattamenti in autoclave di deumidificazione delle carte, per il ripristino dei valori di contenuto di acqua compresi tra il 6/8%, un intervento di disinfezione e 20 lavaggi con aria per l’eliminazione di eventuali residui di gas. Gli scatoloni con i 3500 libri sono per il momento depositati, grazie alla disponibilità dell’USL Toscana nordovest, in un fondo asciutto e sicuro all’ex ospedale Campo di Marte, perché i locali di Maggiano non sono ancora pronti.
Ad accoglierli la presidente della Fondazione, Isabella Tobino. L’intervento di restauro è stato reso possibile grazie al generoso contributo di tanti donatori che hanno permesso la raccolta fondi su Eppela. 
I volumi erano partiti da Maggiano lo scorso 6 agosto. Sono 445 scatoloni contenti circa 3500 libri , il più antico è del 1700, e i titoli comprendono ben 200 riviste italiane e straniere spesso introvabili. Per questo intervento la Fondazione Tobino ha ottenuto l’autorizzazione della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana.  
“Ringraziamo nuovamente coloro che ci hanno seguito in questa impresa” – dice la presidente della Fondazione, Isabella Tobino – “e chiediamo ancora il loro aiuto e quello dei loro amici questa volta non per una nuova raccolta fondi, ma per un semplice click!  Infatti gli scatoloni sono all’ex ospedale Campo di Marte perchè i locali di Maggiano non sono ancora pronti. E proprio per questo, pur avendo sempre al nostro fianco l’aiuto della FCRL e del Comune di Lucca, cerchiamo di raggiungere il traguardo per ottenere i fondi messi a disposizione attraverso una nuova campagna del FAI,  rivolta proprio alla salvezza dei luoghi della salute. Così vi invitiamo a votare sul sito del FAI per Maggiano, perchè insieme ce la faremo…”.