“Gaetano Orzali 1873-1954. Progetti e opere tra Lucca e Genova”

“Gaetano Orzali 1873-1954. Progetti e opere tra Lucca e Genova”
Sabato 1 ottobre alle 17 nell’auditorium del Palazzo delle Esposizioni si presenta il libro di Poggi, Mazzuola e Morotti, edito da Maria Pacini Fazzi

Gaetano Orzali 1873-1954. Progetti e opere tra Lucca e Genova. Si presenta sabato 1 ottobre 2022 alle 17 nell’auditorium del Palazzo delle Esposizioni della Fondazione Banca del Monte di Lucca (piazza San Martino, 7) il volume di Maria Cristina Poggi, Vinicio Mazzuola e Mariella Morotti dedicato a Gaetano Orzali, edito da Maria Pacini Fazzi.

Dopo i saluti di Andrea Palestini, presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, e del sindaco di Lucca Mario PardiniMaria Adriana Giusti e Alessandro Tambellini presenteranno il volume.

Orzali, anche nelle opere più intensamente marcate dallo stile Liberty, conservò tracce indelebili del classicismo rinascimentale, difficili da abbandonare del tutto per chi è cresciuto all’ombra di una tradizione così imponente come quella italiana e toscana in particolare.

Ma l’arte progettuale di Gaetano Orzali, consolidata dapprima nell’ambito lucchese si estende poi a Genova grazie alle committenze della famiglia genovese dei Croce. Gaetano si trasferisce a Genova nel 1902 e vi resterà poi per tutta la vita. Nella grande città che cambia si afferma definitivamente la qualità progettuale di Gaetano Orzali, con realizzazioni di grande prestigio.

Nuovamente lo stile Liberty poi sarà la cifra delle sue realizzazioni a Viareggio. Ma è ancora su Lucca che nei primi anni Trenta Gaetano Orzali è chiamato a progettare in grande, quando si pensa al rinnovamento della città antica secondo visioni dirompenti, che prevedono ad esempio l’allargamento del Teatro del Giglio fino ai margini di piazza Napoleone oppure la galleria di collegamento tra piazza San Michele e piazza Napoleone.

Negli ultimi decenni della sua intensa carriera, lo stile dell’architetto si orientò verso la monumentale razionalità modernista che durante il ventennio fascista si era imposta. Nonostante la lunghissima permanenza a Genova, Gaetano Orzali, scomparso nel 1954, volle sepoltura a Lucca, dove la fortuna della sua famiglia aveva avuto origine e dove si era primariamente manifestata la sua opera insigne di architetto e di ingegnere.

A chiusura della presentazione sarà proiettato il filmato “Gaetano Orzali, I capolavori del primo Novecento”, realizzato per l’occasione.

You may also like

Fashion in Flair – Regalo di Natale: il 3 e 4 dicembre a Lucca

Fashion in Flair – Regalo di Natale: il 3