Stefano Gori e Francesco Niccoli ai Campionati italiani di società

Lo Stadio Giannattasio di Ostia è stato teatro della proclamazione del club campione d’Italia 2019 di atletica leggera paralimpica. Alla fase finale dei Campionati Italiani di Società, sabato 5 e domenica 6 ottobre erano presenti centinaia di atleti in rappresentanza di 19 squadre.

L’atleta lucchese Stefano Gori e la guida Francesco Niccoli sono stati protagonisti in questa circostanza, apportando il loro fondamentale contributo al GSH Sempione ’82, la società piemontese per cui corrono da inizio anno.

Il velocista toscano ha brillato subito nella finale dei 100 metri: nonostante il forte vento a sfavore, con raffiche fino a 4 m/s, e il conseguente tempo finale non alla sua altezza, è riuscito a imporsi sugli avversari.

Sì è però subito riscattato nel pomeriggio nella gara dei 400 metri, dove ha ottenuto il piazzamento d’onore e, soprattutto, ha abbassato il tempo di 6 secondi rispetto alla prova precedente, il 31 agosto a Chiuro (Sondrio).

Anche domenica mattina, nella finale sui 200 metri, Gori abbassa di mezzo secondo il record stagionale e vince la sua gara, nonostante la fatica del “giro della morte” (i 400 metri) del giorno prima si sia fatta sentire.

Grazie alle ottime prestazioni di Stefano e Francesco e di tutti gli atleti del GSH Sempione ’82, la società piemontese è riuscita a posizionarsi al secondo posto della classifica generale, conquistando il titolo di vice-Campioni italiani.

Primo posto assoluto, con tantissimi atleti partecipanti, per la Omero Bergamo; terza posizione per i siciliani dell’Handy Sport Ragusa.

Per Stefano Gori e la sua guida Francesco Niccoli sono ottimi questi risultati di fine stagione, ma non è ancora terminata: a fine mese ci sarà il gran finale della Coppa Italia di lanci, nella quale potrà dare la carica ai compagni di squadra con le sue prestazioni (si spera) da medaglia nel getto del peso, nel lancio del disco e del giavellotto.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •