Header ad
Header ad
Header ad

IL FOTOGRAFO MASSIMO BETTIOL ESPONE A CASTIGLIONE DI GARFAGNANA

IL FOTOGRAFO MASSIMO BETTIOL ESPONE 

A CASTIGLIONE DI GARFAGNANA

Iniziativa collaterale nell’ambito del Rally del Ciocco, prima prova del “tricolore”, in programma per la prossima settimana.

Si intitola “L’emozione del rally” ed è raccontata dalle fotografie di Massimo Bettiol, uno dei fotoreporter sportivi più quotati a livello internazionale.

Opere che verranno esposte, dal 21 al 28 marzo – comprendendo quindi i giorni di svolgimento del 41° Rally Il Ciocco e valle del Serchio – presso la Torre dell’Orologio, e dal 29 marzo al 29 aprile, presso l’atrio del Comune, a Castiglione di Garfagnana.

Sarà esposta una selezione delle foto più belle scattate da Bettiol, istantanee di grande suggestione, che visualizzano la sua grande passione per i rally.

Si tratta di fotografie che raccontano il cammino professionale del fotografo trevigiano dal 2002 ad oggi e sono un mix tra mondiale rally ed Italiano: Argentina, Australia, Finlandia, Giappone, Messico, Turchia . . .  McRae, Sainz, Solberg, Loeb, Ogier, Andreucci, Campedelli, Cunico, Scandola alcuni dei “nomi” immortalati dalle Nikon di Bettiol.

Nato a Treviso il 21 gennaio 1970, cresciuto con la passione per i motori e la fotografia, Massimo Bettiol è riuscito a coronare il suo sogno affermandosi professionalmente tra i migliori nel motorsport mondiale. Autore di diversi libri fotografici, sinora ne ha pubblicati sette, collabora con le più importanti riviste del settore e segue il Mondiale Rally per l’agenzia americana GettyImages.

“Il mio voler “diventare” fotografo a tutti i costi – commenta Massimo Bettiol – è stata la forza che di certo mi ha cambiato la vita. Ed è costato di sicuro molto. Non nascondo che oggi sarebbe difficile rifare tutto, per tanti  motivi che si possono immaginare e lo fu anche all’epoca, nei primi anni del nuovo millennio, quando lasciai il mio lavoro da dipendente per fare il fotografo free-lance. Ho avute molte soddisfazioni, che certamente ripagano i sacrifici e gli sforzi fatti, e sono anche le iniziative come questa mostra, il propellente per andare avanti!”.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi