Header ad
Header ad
Header ad

“Il sindaco del Rione Sanità” in scena al Teatro del Giglio

Prosa • Stagione 2017-18 del Teatro del Giglio di Lucca

Il sindaco del Rione Sanità

di Eduardo De Filippo
regia Mario Martone

con Francesco Di Leva, Giovanni Ludeno

Adriano Pantaleo, Giuseppe Gaudino, Ivan Castiglione, Daniela Ioia, Gianni Spezzano, Viviana Cangiano, Salvatore Presutto, Lucienne Perreca, Massimo Esposito, Morena Di Leva, Ralph P, Armando De Giulio, Daniele Baselice

scene Carmine Guarino
costumi Giovanna Napolitano
luci Cesare Accetta
musiche originali Ralph P

regista collaboratore Giuseppe Miale Di Mauro
assistente scenografo Mauro Rea
capo elettricista Giuseppe Di Lorenzo
fotografie Mario Spada
manifesto Carmine Luino

produzione Elledieffe / Compagnia di Luca De Filippo / NEST – Napoli Est Teatro / Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

venerdì 2 marzo 2018 ore 21
sabato 3 marzo 2018 ore 21
domenica 4 marzo 2018 ore 16
Teatro del Giglio

INCONTRO CON IL PUBBLICO
Sabato 3 marzo alle ore 18 gli attori della compagnia incontrano il pubblico nel ridotto del Teatro del Giglio.

«Un mondo meno rotondo, ma un po’ più quadrato»: è il sogno di Don Antonio Barracano, il “sindaco” del Rione Sanità. Barracano non è solo un capo camorra, è un visionario, che cerca di ristabilire l’ordine in un mondo che ha perso ogni punto di riferimento, esercitando la sua personale idea di legge. Fa estrarre pallottole e ricucire ferite dal corpo di giovanotti troppo animosi; concede udienze giornaliere a chi si rivolge a lui per ottenere giustizia e protezione. La Sanità, il suo regno, non è solo un quartiere di Napoli, ne è il cuore pulsante, il luogo dove è nato Totò e dove Eduardo De Filippo ha ambientato molte delle sue commedie. Nei suoi vicoli convivono palazzi nobiliari e case fatiscenti, bassi e chiese barocche. Contraddizioni aspre e attuali, dinamiche sociali radicate così profondamente nella cultura popolare da non trovare alternative: per questa nuova produzione Mario Martone ha scelto di curare la regia di un progetto del gruppo di giovani attori indipendenti del NEST di Ponticelli, che hanno immaginato di mettere in rapporto questo testo, tra i più sofferti del grande autore napoletano, con la realtà difficile che vivono nel quotidiano. L’idea di affidare il ruolo del Sindaco del Rione Sanità a un uomo giovane e deciso, in opposizione al personaggio misurato e mediatore creato dal drammaturgo è inedita. La scelta di calare questo nuovo sindaco, aggiornandone i tratti secondo l’orizzonte dei nostri giorni, mettendolo a capo di un clan composto da giovanissimi protagonisti di una delle guerre di Camorra simili a quelle che riempiono le cronache, ha una valenza non solo teatrale, ma soprattutto civile. Debuttare in un teatro di periferia, dando spazio ai giovani del quartiere, è anche un omaggio a Eduardo e Luca De Filippo, che dell’interesse per i ragazzi a rischio di Napoli hanno fatto l’ultimo impegno della loro vita. Specchi delle contraddizioni del nostro tempo, per Martone è l’ora di cominciare a guardare alle periferie non solo come problema, ma anche e soprattutto come risorsa.

 

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi