Header ad
Header ad
Header ad

Family Affair di IF Prana in anteprima al Teatro Colombo di Valdottavo

Family Affair di IF Prana in anteprima al Teatro Colombo

Domenica 26 novembre 2017 ore 21.15 Teatro Colombo Valdottavo

Prosegue con la nuova produzione IF Prana Family Affair presentata in anteprima nazionale domenica 26 novembre alle ore 21.15 la nuova Stagione Teatrale 2017 – 2018 del Teatro Colombo di Valdottavo, sotto la Direzione Artistica del musicista –compositore Silvio Bernardi.

Liberamente tratto dal mito di Edipo, per la rielaborazione drammaturgica di Caterina Simonelli con Davide Arena, Alessandro Balestrieri, Silvia Bennett, Lorenzo Torracchi coreografia Silvia Bennett regia Caterina Simonelli una nuova produzione IF Prana con il contributo di Regione Toscana.

Il mito di Edipo rivela anche ai giorni nostri la sua sconcertante attualità. La ricezione del mito di Edipo nella cultura occidentale è vastissima: da Sofocle a Cocteau, da Woody Allen a Pasolini, da Nietzsche a Foucault, si snodano riflessioni e riscritture che affrontano diversi temi esistenziali, politici, filosofici che ne compongono (e, forse, anche scompongono) la trama. Eppure è soprattutto l’interpretazione freudiana del cosiddetto “complesso di Edipo” ad essersi imposta come la chiave di lettura più nota e largamente diffusa. Ma Edipo Re, la tragedia di Sofocle, punto di riferimento nella nostra cultura per ogni considerazione sul mito, apre anche ad altre tematiche di portata universale.

Per questo If Prana ha scelto di portare in scena una nuova interpretazione e riscrittura del mito, affinché si ripresenti, nella sua ricchezza di spunti e nella sua prepotente attualità, all’uomo di oggi.

Nella note di regia di Caterina Simonelli si legge: “Family Affair è un’arbitraria rivisitazione del mito di Edipo, uno spettacolo dal sapore pop/rock, dove danza e teatro si sposano in un linguaggio poetico e accattivante. A Tebe dilagano la peste e prima ancora altri orrori. Gli abitanti muoiono, sono sterili, sono incapaci di generare. Il male si espande da uno spazio privato ed intimo. Non c’è speranza, l’incapacità di vedere e di vedersi, di conoscersi, ri-conoscersi, diviene una cecità che proietta sull’altro tutte le aspettative, i bisogni, le mancanze e la nostra più intima natura abnegata in favore di un corpo “votato al martirio” . Andiamo perdendo la capacità di rimanere lucidi, di vedere la realtà che ci circonda, di raccogliere quelle verità che da qualche parte dentro di noi urlano che fuori di noi si sbracciano per mostrarsi, insomma quelle che facciamo di tutto per mettere a tacere in una malata sordina esistenziale.

I personaggi sono ridotti a personcine e sono tutti interpretati da tre attori maschi, creando così un universo di partenza sterile, poi c’è un essere che, a metà fra il mondo degli esseri umani e il mondo degli dei, danza ma non cammina, canta ma non parla”.

Un testo potenzialmente infinito composto da saggi, poesie, pezzi teatrali, canzoni, citazioni, e da tutto quel materiale testuale che gli attori durante il lavoro di improvvisazione producono.

La città di Tebe è la città di oggi per antonomasia, e i suoi abitanti sono infestati da un male cui si cerca una causa, ma che nessuno sembra poter guarire. La peste, che nel testo di Sofocle viene vista anche come impossibilità di avere un futuro, è qui la precarietà delle nostre esistenze. Anche nella Tebe di oggi si implora aiuto, ma sembra che nessuno riesca a risolvere l’enigma di sfingi introvabili o che nessuno sappia o voglia rispondere al loro appello.

biglietto unico eur. 10,00

prenotazioni: prenotazioni@teatrocolombo.it – 368453795

prevendita presso

spazio espositivo Livin’art
via della Cervia 19 Lucca

www.livinart.it

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi