Header ad
Header ad
Header ad

A Lucca i professionisti del settore hotellerie e accoglienza riuniti per il 56° Congresso Euhofa

Scuola e lavoro, placement all’88% per ospitalità e ristorazione
Ma in pochi si iscrivono. Da Lucca l’appello delle accademie internazionali

Nella Giornata Internazionale dello Stagista i professionisti del settore hotellerie e accoglienza riuniti
per il 56esimo Congresso Euhofa ribadiscono l’importanza di internship ed esperienze all’estero
Ma gli studenti diminuiscono in tutto il mondo. E nel Regno Unito si pensa a una “national hospitality week”

Lucca, 10 novembre 2017 – Lo studio in ambito ospitalità e ristorazione paga più di qualunque altro percorso formativo, eppure gli iscritti sono in calo in tutto il mondo. Il dato è emerso oggi a Lucca, in occasione del 56esimo Congresso Euhofa, che riunisce oltre 200 esperti di settore da 23 Paesi, tra direttori di importanti accademie, Ceo di gruppi internazionali, aziende e chef stellati. “Il tasso di placement dei nostri corsi di specializzazione – dichiara Simone Bigongiari di Fondazione Campus, istituzione accademica specializzata nella formazione in ambito accoglienza – supera l’88% a sei mesi dal conseguimento del titolo. Il 32% dei nostri studenti trova lavoro nel settore hospitality, il 29% nel food&beverage, il 19% nell’organizzazione eventi, circa l’8% in ambito tour operating e il restante in compagnie turistiche e startup di settore”.

Nella Giornata Internazionale dello Stagista, che ricorre proprio oggi, gli esperti ribadiscono l’importanza dell’internship. “Al termine del percorso di studi – prosegue Bigongiari – sono previsti tre mesi di stage in realtà di alto livello, esperienza che aiuta moltissimo a trovare lavoro”.

Molte scuole del Regno Unito chiudono per mancanza di iscritti – dichiara Peter A. Jones, direttore dell’Edge Hotel School presso la University of Essex – mentre la domanda di professionisti del settore è in crescita. Per questo stiamo pensando a una National Hospitality Week che possa coinvolgere tutte le strutture dedicate all’accoglienza, per il prossimo mese di marzo, quando a Londra si terrà Hotelympia, evento dedicato al mondo dell’hotellerie e della ristorazione”.

Serve maggior collaborazione tra istituti di formazione e aziende – sottolinea Alessia Gorni Silvestrini di Ballarini Group – per questo come gruppo abbiamo dato vita a un concorso dedicato agli studenti, che ha dato l’opportunità ai vincitori di fare esperienza alla Gualtiero Marchesi Academy e alla CIR Food, attraverso un intership. E’ importante fare pratica fin da subito in contesti di eccellenza, per mettersi alla prova”.

Dobbiamo educare i giovani alla curiosità – aggiunge Alessio Tessieri, maestro cioccolatiere e fondatore di Scuola Tessieri – e alla ricerca dei migliori ingredienti. C’è inoltre bisogno di una continua contaminazione tra aziende e grandi chef per riuscire a realizzare i migliori prodotti. Senza questo scambio non può esserci alta cucina. Quando ho cominciato a produrre cioccolato non ero sicuro di essere bravo. Poi l’ho fatto provare a Fulvio Pierangelini e ho acquisito sicurezza. Da qui è nato il desiderio di dare vita a una scuola di eccellenza per giovani chef che connetta queste due realtà, formazione e imprenditoria”.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi