Header ad
Header ad
Header ad

ROLLING STONES, UNA NOTTE CHE E’ GIA’ STORIA

Il bilancio di Confcommercio

E’ il momento dei bilanci. Ma ancor di più, è il momento dei ringraziamenti: per Confcommercio non ci sono dubbi, quella di sabato 23 settembre è una data che resterà nei libri di storia di Lucca. Passata l’onda del grande evento, l’analisi dell’associazione è piena di aspetti largamente positivi. “Già dalla giornata di venerdì – si legge in una nota – la città si è riempita, vivendo in modo gioioso, colorato ed educato una attesa per il concerto che con il passare delle ore si è fatta spasmodica. Una immagine fantastica per Lucca, rimbalzata per giorni e giorni su tutti i principali organi di informazione nazionali: tutti i tg Rai, Mediaset, Sky e altri ancora, hanno proposto e riproposto ad ogni edizione, da quelle pomeridiane a quelle in prima serata, immagini bellissime delle Mura e del centro storico, con un ritorno in termini di immagine e promozione assolutamente straordinario. Questo è il primo elemento certo che i Rolling Stones lasciano alla nostra città: una Lucca più conosciuta e apprezzata nel mondo, con frutti che il territorio raccoglierà nel tempo”. “Importantissimo – prosegue la nota – anche l’aspetto legato all’indotto: in questi giorni la città ha lavorato, si è vestita a festa ed ha raccolto i frutti, mostrando al mondo la sua immagine più bella. Le vetrofanie con le linguacce, gli allestimenti a tema, il personale con magliette degli Stones: tutti gli osservatori esterni hanno colto e rilanciato uno spirito di accoglienza e di partecipazione all’evento da parte del tessuto commerciale che ha contribuito a rendere ancor più bella la festa. L’evento Stones non è stato solo all’interno dell’ex campo Balilla, ma di tutta una città: sabato sera, oltre ai 55 mila possessori dei biglietti, c’erano migliaia di persone fuori dai cancelli ad aspettare la band nel tragitto da Palazzo Ducale all’area concerto e poi ad ascoltare le loro note”. “Terzo aspetto da sottolineare – insiste Confcommercio – è quello dell’organizzazione: un evento del genere richiede un impegno impressionante. Un lavoro immane, che è stato svolto in modo egregio da tutti gli attori in campo. Lucca ha retto l’impatto. Lucca ha tenuto, cancellando i mille dubbi, a volte campati in aria altre volte più fondati, che aleggiavano alla vigilia. E i meriti sono di tanti, compresi quelli degli stessi lucchesi che si sono informati con dovizia sulle ordinanze di chiusura delle strade, evitando così il formarsi di code e disagi”. “Sulla base di tutto questo – insiste – si rende doverosa una serie di ringraziamenti: all’apparato amministrativo, che ha preparato bene la fase di arrivo di 55 mila spettatori reperendo parcheggi e studiando una viabilità che ha funzionato bene, sia prima che dopo il concerto. All’apparato della sicurezza, che ha vigilato sulla città e sull’evento permettendo a tutti di viverlo in maniera serena, grazie anche all’arrivo di centinaia di rinforzi e di reparti anti terrorismo specializzati da tutta Italia”. “Il plauso più grande – termina Confcommercio – va naturalmente a Mimmo D’Alessandro e Adolfo Galli: quella che solo pochi anni fa appariva come una utopia è diventata realtà: la band rock più famosa del mondo ha suonato e cantato sotto le Mura. La nostra associazione, oggi più che mai, è fiera di essere da sempre una convinta sostenitrice del Summer Festival. E ora, avanti con la prossima edizione”.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi