Header ad
Header ad
Header ad

PIETRASANTA: Venerdì 12 maggio anche il Dap Festival a fianco di A.i.e.f.

Venerdì 12 anche il Dap Festival a fianco di A.i.e.f. (associazione italiana epilessia farmacoresistente) per la raccolta fondi in occasione dell’evento dedicato a Berta di Toscana.

A partire dalle ore 17 presso il Salone dell’Annunziata nel Chiostro di Sant’Agostino si terrà un incontro con vari momenti artistici: prosa, poesia, danza con le ballerine Dap, musica.

Aprirà una lettura poetica a cura di Mauro Barabani, quindi il concerto per pianoforte e violino su musiche di Bach e Beethoven di Roberta Bambace e Andrea Rinaldi. Intorno alle 18 Vincenzo Moneta presenterà il suo libro su Berta di Toscana, interverranno la professoressa Germana Gandino (professoressa di Storia Medievale dell’Università del Piemonte Orientale), Furio Cappelli (storico dell’arte), l’attore Mauro Barabani e Antonella Carignani (attrice e membro del consiglio direttivo Aief nonché socio della Federazione Italiana Epilessie). Dopodiché intorno alle 18.40 tutti i presenti si sposteranno nel chiostro dove le ballerine Martina Mancini e Giuditta Gerevini del Dap Festival (l’evento internazionale per qualità di artisti che si svolgerà a Pietrasanta dal 18 giugno al 1 luglio), si esibiranno attorno alle opere di Giuseppe Carta. Una volta chiusi i lavori, intorno alle 20 la platea si sposterà presso la Casa Diocesana de “La Rocca” dove sarà allestito un ricco buffet con specialità toscane il cui ricavato sarà destinato all’Aief (prenotazioni: 347 6554551).

La partecipazione all’incontro è gratuita e chi vorrà potrà acquistare il libro autografato dall’autore che devolverà il ricavato all’Aief.

CHI ERA BERTA DI TOSCANA

Berta di Lotaringia, figlia del re Lotario II, pronipote di Carlo Magno, contessa di Arles e marchesa di Toscana, fino a ieri, era una lapide dimenticata nel Duomo di San Martino a Lucca. Con questo libro, l’autore ne racconta la vita e le gesta documentando e argomentando con precisione storico-scientifica.

E ne viene fuori una figura estremamente attiva, autonoma, intraprendente, insomma una donna molto poco “medievale” ma piuttosto moderna che, pur lontana nel tempo, può essere un riferimento per le donne di oggi. Berta non aveva paura di mettersi allo stesso livello dei massimi esponenti politici del suo tempo e non aveva alcun timore verso l’autorità costituita.

Le sue ambizioni; l’influenza che ebbe sulla città di Lucca e dunque su Roma, Aquisgrana, Bisanzio, Bagdad, Cordoba; il potere che esercitò sull’elezione dei papi ne fanno una donna unica, figlia di un tempo che poi non è così distante dal nostro.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi