Header ad
Header ad
Header ad

La Polisportiva Capannori batte anche Monsummano e ottiene la salvezza matematica con una giornata d’anticipo

Pol. Capannori – Shoemakers Monsummano 65-53

CAPANNORI: Marcheschi, Bernardi, Andreini 1, Ortili 5, Dini 6, Barsotti 11, Nieri G. 15, Pardini 10, Guetti 4, Piochi 2, Casini 11, Puccinelli. All. Petrini

MONSUMMANO: Vezzani, Morini, Mencarelli, Amico, Bellini 9, Rocchi 3, Breschi 2, Danesi 3, Mignanelli 6, Martelli 7, Testa 8, Villa 15. All. Matteoni

ARBITRI: Giovannoni di Lucca e Venturini F. di Capannori (Lu)

NOTE: parziali 13-18, 34-33, 48-44

 

Impresa della Polisportiva Capannori che centra la terza vittoria consecutiva battendo in casa la corazzata Monsummano, già certa del secondo posto che le permetterà di disputare i playoff. I ragazzi di coach Petrini mostrano alcuna una volta la loro progressione finale e conquistano la salvezza matematica con una giornata di anticipo dopo aver chiuso la prima fase della stagione all’ultimo posto. Una grande soddisfazione anche perché i biancorossi hanno saputo bloccare a soli 53 punti il migliore attacco del campionato.

Contro Monsummano sono i padroni di casa a partire meglio con 5 punti di fila di Nieri, uno scarico di Casini e una penetrazione di Barsotti. Coach Matteoni chiama subito time-out e anche gli ospiti entrano in partita mettendo a segno un controbreak ispirato da Bellini che li porta avanti di 5 lunghezze alla prima sirena. I due allenatori iniziano le rotazioni e sono gli Shoemakers a trarne vantaggio con una pressione costante a tutto campo e Testa bravissimo a rubare palloni preziosi e a far ripartire i suoi in contropiede. Si arriva fino al 24-31, poi in uscita dal time-out Capannori ritrova slancio limitando Bellini grazie alla difesa di Casini. Così i Monstars mettono un parziale di 10-2 che li manda al riposo avanti di un’incollatura. Dopo la pausa la squadra di casa continua a spingere e raggiunge i 10 punti di vantaggio ancora con Casini (45-35). A quel punto però qualcosa s’inceppa per i capannoresi che rimangono a secco per 5 minuti, fino alla tripla di Barsotti che ha dato slancio per chiudere avanti il terzo parziale. L’ultimo quarto è invece un capolavoro dei padroni di casa che in difesa chiudono il proprio canestro e giocano in scioltezza in attacco raggiungendo anche i 16 punti di vantaggio per poi chiudere senza patemi.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi