Header ad
Header ad
Header ad

“Aphrodite – Omaggio a Giorgio Battistelli” alla Tenuta dello Scompiglio

Tenuta Dello Scompiglio

Vorno (Capannori)

assemblaggi provvisori”

marzo 2016 – giugno 2017

22 aprile, ore 21.00

concerto “Aphrodite – Omaggio a Giorgio Battistelli”

Laura Catrani  voce | Patrizia Radici  arpa | Giovanni Trovalusci  flauti

Ars Ludi: Antonio Caggiano, Rodolfo Rossi, Gianluca Ruggeri

Erasmo Gaudiomonte  direttore

Aphrodite – Omaggio a Giorgio Battistelli” è il concerto presentato sabato 22 aprile, alle ore 21.00, nella Tenuta Dello Scompiglio di Vorno (Capannori). Un viaggio nell’universo musicale del grande compositore laziale, audace sperimentatore e artista “oltre i generi”, con la voce di Laura Catrani, l’arpa di Patrizia Radici, i flauti di Giovanni Trovalusci, le percussioni dei solisti di Ars Ludi Antonio Caggiano, Rodolfo Rossi e Gianluca Ruggeri e la direzione di Erasmo Gaudiomonte. In programma, in prima esecuzione assoluta, “Marx Lenin Mao Tse-Tung”, brano per tre percussionisti scritto per il centenario della Rivoluzione d’ottobre russa e dedicato allo storico ensemble Ars Ludi, di cui si celebra il trentennale della fondazione e Aphrodite – Monodramma di costumi antichi”, opera per voce di donna e strumenti ispirata alla tragica storia d’amore al centro dell’omonimo romanzo di Pierre Louÿs.

Il concerto, realizzato con il supporto della Società Italiana degli Autori ed Editori per il progetto “SIAE – Classici di Oggi”, fa parte di “Assemblaggi Provvisori”, manifestazione dell’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta da Cecilia Bertoni, con concerti, incontri, installazioni, laboratori, mostre, performance, teatro ragazzi e residenze, incentrati sull’individualità in relazione e/o in conflitto con il genere e più specificamente con l’assenza di causalità e coincidenza tra il sesso biologico, il genere (mascolinità–femminilità) e l’orientamento sessuale.

Programma

Giorgio Battistelli

Marx Lenin Mao Tse-Tung” (2017) per tre percussionisti  PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA

Aphrodite – Monodramma di costumi antichi” (1983), per voce, arpa, flauti e percussioni; testo di Pierre Louÿs

Laura Catrani  voce

Patrizia Radici  arpa

Giovanni Trovalusci  flauti

Ars Ludi: Antonio Caggiano, Rodolfo Rossi, Gianluca Ruggeri  marimba, tamburo a cornice

Erasmo Gaudiomonte  direttore

Aphrodite (1983) è un’opera per voce di donna e strumenti dove la protagonista, Criside, recita il testo dell’omonimo romanzo di Pierre Louÿs. Il racconto della cortigiana, dapprima indifferente all’amore disperato di Demetrio, si sviluppa attraverso la graduale presa di coscienza di un sentimento ormai non più realizzabile, sino alla tragica scelta di darsi la morte di fronte al popolo di Alessandria. Un gioco timbrico sull’eros, un rito della voce che seduce la musica, che avvolge, sollecita ritmi, colori e movimenti.

Marx Lenin Mao Tse-Tung” (2017) è il nuovo pezzo ispirato ai tre uomini che hanno segnato la storia dell’umanità, in cui alla sensualità delicata e tragica di Aphrodite si contrappone l’aridità di un mondo maschile fobico e autoreferenziale. Un mondo di cui Battistelli si prende gioco attraverso la sua proverbiale capacità di individuare e ridicolizzare i tic e le debolezze dei personaggi e di ricondurli in una conversazione “patafisica”.

Nello SPE è inoltre possibile visitare:

– Sobre la sangremostra personale di Teresa Margolles (1963, Culiacàn, Sinaloa, Messico), sul tema dell’odio di genere. L’artista è nota per la creazione di opere d’arte che si concentrano sui temi della violenza, del genere, della povertà e dell’alienazione attraverso una narrazione intradiegetica, testimone di soggetti silenziosi e di vittime definite come “danni collaterali”. Nel contesto della violenza di genere si inserisce la mostra “Sobre la sangre”, che comprende l’installazione itinerante “Frazada (La Sombra)”, la grande tela che presta il titolo all’esposizione “Wila Patjharu / Sobre la sangre” e la nuova installazione site specific “Il Testimone”. A cura di Francesca Guerisoli e Angel Moya Garcia. Fino al 25 giugno;

– round midnight / ritratti, video installazione di Cecilia Bertoni; paesaggio sonoro, Carl G. Beukman; performer, Olivier Boréel, Eleonora Chiocchini, Katia Frese, Sara Leghissa, Valerio Sirna. Il lavoro propone uno sviluppo dei video dell’omonima performance presentata dalla Compagnia Dello Scompiglio nel 2016, focalizzandosi sui ritratti dei cinque performer protagonisti e le trasformazioni con cui tentano di sabotare le convenzioni socio-culturali del genere. Fino al 25 giugno 2017;

– Camera #4 – Il Naufragio, installazione di Cecilia Bertoni e Claire Guerrier con Carl G. Beukman, che indaga sull’imposizione, attraverso l’educazione, della dicotomia tradizionale tra maschile e femminile, sulle ferite aperte che essa crea e sulla manipolazione alla quale ognuno di noi è sottoposto, provando a sovvertire l’esperienza dell’impossibilità dell’uomo di superare ogni “situazione-limite”. L’installazione, accessibile a un visitatore alla volta, è visitabile fino al 25 giugno 2017;

“Ma il cielo è sempre più blu”, video inchiesta di Alessandra Ghimenti sulla percezione degli stereotipi di genere, girate in diverse scuole primarie d’Italia, a Lucca, Brescia, Salerno, Milano e Roma. I protagonisti sono i bambini e le bambine a cui sono stati posti quesiti semplici ma profondi come: “che differenza c’è fra maschi e femmine? C’è qualcosa che i maschi non possono fare? Chi si occuperà dei figli nella tua futura famiglia?”. Fino al 21 maggio.

La manifestazione, che prosegue fino a giugno, gode del patrocinio del Comune di Capannori (Lucca).

Il Progetto Dello Scompiglio ideato e diretto da Cecilia Bertoni, prende vita nella omonima Tenuta, situata alle porte di Lucca, sulle colline di Vorno; una realtà in cui le attività legate alle arti visive e performatiche negli spazi interni ed esterni e il dialogo e le attività con la terra, con il bosco, con la fauna, con l’elemento architettonico contribuiscono a una ricerca di cultura. Ogni scelta relativa al Progetto è perciò valutata in relazione alla propria sostenibilità ambientale, attraverso forme di interazione e di responsabilità. All’interno della Tenuta Dello Scompiglio, accanto all’Azienda Agricola e alla Cucina Dello Scompiglio, opera l’omonima Associazione Culturale. L’Associazione dal 2007 crea, produce e ospita spettacoli, concerti, mostre, installazioni; realizza residenze di artisti, laboratori, corsi e workshop; organizza e propone itinerari performatici all’aperto, visite guidate, lezioni Metodo Feldenkrais®; gestisce lo Spazio Performatico ed Espositivo (SPE). Una particolare attenzione è dedicata infine alle attività culturali per bambini e ragazzi, con rassegne teatrali, laboratori e campi estivi.

www.delloscompiglio.org

INFO 0583 971125

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi