Header ad
Header ad
Header ad

La Geonova Lucca chiude il 2016 espugnando il campo dell’Olimpia Legnaia

Cantini Lorano Firenze – Geonova Lucca 56-91

FIRENZE: Zani 8, Vienni, Ademollo 11, Cambi 6, Fusillo, Temoka 8, Rosi, Nardi 4, Conti 7, Malalan 7, Tarchi M. 5, Tarchi P. All. Zanardo

GEONOVA: Lombardi 2, Drocker 7, Loni 16, Danesi 20, Paroli, Russo ne, Giovannetti 2, Santini ne, De Falco 19, Pierini 9, Benini 14. All. Piazza

ARBITRI: Uldanck di Pisa e Orlandini di Livorno

NOTE: parziali 12-24, 34-46, 44-75

Larga vittoria della Geonova che espugna il parquet dell’Olimpia Legnaia e passa un Natale sereno con una striscia aperta di due vittorie e il mirino che ora è puntato sulla final four di Coppa Toscana in programma al Palatagliate il 4 e il 5 gennaio.

A Firenze coach Piazza deve fare a meno di Del Debbio e Ceccconi, mentre Russo e Santini sono in panchina per onore di firma. Così l’allenatore sceglie di partire con tre lunghi in quintetto e la difesa a zona per provare a mettere in difficoltà i padroni di casa. Il risultato è più che positivo perché dopo il 4-0 per i padroni di casa i biancorossi trovano subito due triple con Danesi e De Falco e passano a condurre i giochi rimanendo in testa fino alla fine. Il primo break arriva negli ultimi cinque minuti del primo quarto con le due squadre sul 10-10 e la Geonova che mette a segno un parziale di 2-12 che scuote l’incontro. Nel terzo quarto i padroni di casa provano a riportarsi sotto con due triple consecutive di Ademollo rientrando fino a 34-37 ma 7 punti di fila di De Falco ristabiliscono le gerarchie e dopo la pausa i lucchesi allungano decisivamente con un altro break da 4-22. Nel finale così c’è spazio pure per gli esordi in C Gold di Giovannetti e Paroli.

«Sono soddisfatto della prestazione – dice Piazza a fine gara – contro Altopascio eravamo noi la squadra più contratta perché venivamo da due sconfitte consecutive e avevamo sete di tornare a vincere, stavolta invece le assenze hanno compattato il gruppo che ha avuto da subito un ottimo atteggiamento riuscendo a sfruttare nel migliore dei modi le soluzioni tattiche e a essere sempre pericoloso».

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi