Header ad
Header ad
Header ad

Anteprima assoluta a Lucca: A Photolux lo spettacolo “Gli occhi di Vivian Maier (I’m a Camera)”

PHOTOLUX CRESCE CON L’ANTEPRIMA DELLO SPETTACOLO
“GLI OCCHI DI VIVIAN MAIER (I’M A CAMERA)”
Anteprima assoluta a Lucca, sabato 26 novembre, ore 21, Teatro San Girolamo

 Lucca, 14 novembre 2016 – Photolux si avvicina e il festival di fotografia continua a riservare sorprese. Dopo l’annuncio dell’anteprima italiana della mostra di Vivian Maier, la fotografa statunitense è protagonista di un’altra prima, dedicata proprio a Lucca e a Photolux. Sabato 26 novembre, alle 21, al Teatro San Girolamo, andrà in scena “Gli Occhi di Vivian Maier (I’m a camera)”, scritto, diretto e interpretato da Roberto Carlone, fondatore della Banda Osiris, affiancato alla regia da Caterina Cavallari. Un’anteprima, questa volta mondiale, che Carlone ha voluto riservare proprio a Lucca, prima di presentare il progetto in Francia, nella primavera del 2017.

Sul palco prenderà vita un tempo asincrono e diagonale, dove presente e passato si fondono attraverso le parole dei quattro personaggi, interpretati dal solo Carlone. Incastrato nel tempo presente il Visitatore, alla ricerca della mostra dell’artista, racconta di Jay, scaltro e tenace investigatore che, entrato in possesso delle foto di Vivian, ripercorre i passi della fotografa, scoprendone la storia e facendola apparire in carne e ossa. L’artista resta in ombra, come a testimoniare il suo lascito sfuggente e la sua tendenza ad essere, senza apparire. L’edicolante Henry Aldric News, protagonista di uno scatto della Maier del 1954, intanto, si interroga sulla vita della fotografa. Ecco quindi che i diversi momenti di ciascuno dei protagonisti si intersecano e si scambiano, fino a sovrapporsi: progressivamente i quattro personaggi si identificano l’uno con l’altro, lasciando spazio solo alle fotografie. Carlone si muoverà in uno spazio mutevole: prima uno studio fotografico che si trasforma nei grattacieli di New York e di Chicago, poi in un’enorme Rolleiflex, la macchina usata dalla Maier. L’edicola, aprendosi, rivela il bagno della casa di Vivian, diventato a sua volta camera oscura. La scenografia, composta da elementi bidimensionali in bianco e nero, richiama lo stile scarno e immediato della Maier. Lo spettacolo unirà poesia e musica, proiezioni e tecniche diverse, come il videomapping, il diorama e il documentario.roberto-carlone

Il progetto si avvale di un team scientifico di collaboratori: Sara Munari, fotografa e insegnante di storia della fotografia, Jeffrey Goldstein, custode e studioso del patrimonio fotografico di Vivian Maier, e Françoise Perron, Association Vivian Maier et le Champsaur.

Per ulteriori informazioni sul programma del Festival e sullo spettacolo di Carlone è possibile visitare il sito www.photoluxfestival.it

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi