Header ad
Header ad
Header ad

Un libro fotografico rievoca il primo novecento a San Romano in Garfagnana

A curarlo è Carlotta Santi sotto l’egida della Biblioteca di Sardegna

UN LIBRO FOTOGRAFICO RIEVOCA IL PRIMO NOVECENTO A SAN ROMANO IN GARFAGNANA

Presentazione in programma domenica 4 settembre alle ore 17 presso il Palazzo Pelliccioni di San Romano in Garfagnana

Ritorno al passato per l’abitato di San Romano in Garfagnana. Il Palazzo Pelliccioni ospiterà domenica 4 settembre alle ore 17 la presentazione del volume fotografico “In San Romano in Garfagnana” curato da Carlotta Santi: un viaggio per immagini nella storia politica, economica, sociale e culturale locale attraverso una rassegna di 280 scatti rappresentativi di luoghi, fatti e personaggi del primo cinquantennio del Novecento.

L’iniziativa, promossa dalla Biblioteca di Sardegna, si inserisce nell’ambito del progetto “Fototeca di Toscana” e prevede la raccolta, acquisizione e pubblicazione di repertori fotografici monografici su tema locale. A San Romano in Garfagnana sono state raccolte oltre 300 fotografie inedite, tratte dalle dirette disponibilità di 100 famiglie del luogo che ne hanno consentito la digitalizzazione e condivisione: un patrimonio di memorie pubbliche e private di Copertina San Romanointeresse storico ed etnografico che non potrà non suscitare l’interesse e la curiosità di appassionati studiosi e cultori. «Da queste fotografie emergono le famiglie, i legami, gli eventi, i mestieri e le tradizioni di un mondo che fu», spiega la curatrice Carlotta Santi, che aggiunge: «Nel retro di molte fotografie che mi sono state fornite ho trovato spesso una piccola dedica, che recita: “Per essere ricordato”. In queste parole si racchiude lo scopo del presente volume, a testimonianza di una memoria storica che deve continuare a vivere nel ricordo».

Per il sindaco di San Romano Pier Romano Mariani, «Ognuno di noi troverà un modo tutto suo di vivere queste immagini a seconda della propria età e delle proprie esperienze di vita. Ogni immagine, ogni avvenimento ci obbliga ad utilizzare la nostra memoria, rafforzando il senso di appartenenza ad una comunità dai contorni culturali e tradizionali ben definiti, contribuirà sia nei più giovani che nei più anziani a creare sensazioni di particolare intensità». Entusiastica la partecipazione della popolazione residente al progetto. Come l’onorevole Raffaella Mariani che testimonia: «A ciascuno di noi ha fatto piacere recuperare immagini di famiglia cui è attribuito un grandissimo valore affettivo per restituirle all’analisi storico sociale e consegnarle alla conservazione come aiuto per la comprensione di un periodo che ha determinato il presente e che potrà contribuire ad un futuro che ci auguriamo sia all’altezza delle aspettative e della speranza». Promossa in collaborazione con l’Amministrazione comunale di San Romano in Garfagnana, la presentazione sarà accompagnata da una mostra fotografica visitabile ad ingresso libero nella serata di domenica 4 settembre a partire dalle ore 17 e nelle mattinate del 5, 6 e 7 settembre dalle ore 9 alle 12.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi