Header ad
Header ad
Header ad

UN MARE DI LIBRI, rassegna letteraria al Bagno Venezia di Lido di Camaiore

Mercoledì 13 luglio alle 18.30 al Bagno Venezia di Lido di Camaiore  prende il via la nuova edizione di UN MARE DI LIBRI, rassegna letteraria ideata e condotta da Demetrio Brandi.  Gli incontri  sulla spiaggia sono organizzati in collaborazione con LuccAutori ed il premio Racconti nella Rete.

Sono in programma cinque appuntamenti  con ben 21 autori.  Ecco i nomi dei protagonisti:  Il primo incontro, mercoledi 13 luglio alle 18.30, Demetrio Brandi incontra Cinzia Della Ciana, Egidio Lossi e Pino Marchini.  Mercoledi 20 luglio con Adriano Barghetti, Stefano Carlo Vecoli e Emma Viviani.  Giovedi 28 luglio con Michele Cecchini, Federico Pagliai, Simone Togneri e con la partecipazione dell’attore e regista Daniele Di Stefano. Venerdi 5 agosto appuntamento con Mario Bernardi Guardi, Marco Natalizi e Luigi Nicolini.  Infine giovedi 18 agosto gran finale dedicato al XV  premio Racconti nella Rete, con la partecipazione di Elena Marchini, Vincenzo Sacco, Laura Montagna, Marta Borroni, Michela Rossi, Deepa Minasi, Alexandra Tempesta, Andrea Mauri e Giusi Scerri.

Mercoledì 13 luglio ore 18.30  

Cinzia Della Ciana presenta “Acqua piena di acqua” (Effigi) Il nuovo libro di Cinzia Della Ciana è un romanzo, edito da Effigi, dal suggestivo  titolo  Acqua piena di acqua, che è la libera traduzione dell’espressione russa per “fiume in piena”. E’ una trama che scorre proprio come un fiume attraverso la vita di tre donne, madre figlia e nipote, fra memorie, dolori, ansie, speranze e voglia di vita. Un romanzo familiare, dunque, ma non nel senso tradizionale del termine, perché la scrittura più che descrivere e raccontare analizza, indaga il pensiero delle tre protagoniste, e ogni fatto narrato appartiene alla loro soggettiva ricostruzione e al loro ricordo, a una memoria spesso dolorosa che rischia, negli anni, di trasmettersi come ossessione da cui è necessario liberarsi. Il romanzo costruisce quindi una faticosa e orgogliosa ricerca della pienezza della vita, che infine si troverà: ogni fiume, qualsiasi sia il suo corso, arriva al mare. Altra sua peculiarità è che Il tempo narrativo non coincide con quello della storia  in quanto è intermittente:   all’inizio sembra  tornare indietro quanto più la narrazione va avanti, per poi procedere velocissimamente verso l’epilogo; e allo stesso modo lo stile della scrittura, che non narra ma evoca.  Ed è proprio in questo contrasto fra l’ansia di arrivare alla soluzione di ataviche ansie, quasi si trattasse di un giallo in attesa del colpevole, e la lentezza quasi meditativa che questa scrittura impone, che sta il grande fascino di questo libro: un romanzo da leggere e rileggere.

logo 2

Egidio Lossi “Anima & Cuore” (Pezzini Editore). L’amicizia, l’amore, una grande storia che attraversa gli anni bui della guerra. Una storia che vuole ricordare i vincoli ed i valori della vita. L’unione di due anime è l’amore che non vacilla mai. La mente segue il cuore, come un faro illumina la rotta della nave in balia della tempesta; per rifugiarsi nel porto più sicuro fino al giorno estremo del giudizio. La sorte può allontanare, dividere. Ma l’amore impavido non tramuta. Così che l’anima, divenuta stella, brillerà per sempre. Per l’eternità. Lossi dedica il suo libro al nonno Egidio, trucidato  il 14 agosto 1944 nella bonifica di Migliarino Pisano, dalla ferocia nazista. A nonno Brando, partigiano nel cuore  e nell’anima. Con affetto, commozione e rimpianto.                          Giornalista e scrittore, Egidio Lossi solca da anni il mare prospicente la costa versiliese.  A bordo di Radio Spiaggia, da giugno a settembre, allieta la giornata dei vacanzieri annunciando spot e notizie sui più importanti avvenimenti culturali dell’estate.

Pino Marchini  presenta “La chioccia d’oro” (Edizioni Cinque Terre), un volume che raccoglie una serie di racconti di argomento prettamente storico, veri e propri saggi. Da questi traspare chiaro tutto il rigore, la meticolosità documentale dell’autore. Il sua modo di fare ricerca assume le forme di una vera e propria caccia al tesoro. Infatti Pino Marchini decide di studiare un evento, trova una qualche documentazione, ma non si ferma alla prima tappa, per onestà intellettuale, per amore di completezza, ma anche e soprattutto perché il documento che ha trovato gli suggerisce qualcos’altro, lo stimola, lo invita a proseguire fino ad un traguardo ulteriore che non sarà certo quello definitivo. Nello stesso tempo traspare tutta la passione dell’autore per l’argomento trattato, tutta la sua gioia per averlo sviscerato e condiviso. La sua scrittura, nei racconti specificatamente storici, è rigorosa, scientifica, ma non pedante, saccente, infarcita di termini troppo tecnici; è invece scorrevole, invitante. Ci riferiamo, per esempio, all’ Incontro segreto,  il presunto incontro tra Hitler e Mussolini che potrebbe essere avvenuto alla stazione di Ponzano Magra. Pino ci racconta anche la storia che sconfina nel mito, nel racconto orale, qual’ era quella tramandata dagli antichi aedi greci, Omero sopra tutti, proprio nel racconto di apertura, nel quale ripercorre la storia del vichingo Hastings.

locandina 2 - ridotta

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi