Header ad
Header ad
Header ad

LUCCA BASKET: La Geonova in rimonta vince contro la capolista Agliana

Geonova Lucca – Pallacanestro Agliana 85-71

GEONOVA: Loni 15, Danesi 11, Tozzini 13, De Falco 19, Meucci 12, Drocker, Puccinelli, Del Debbio 11, Porciani 3, Pierini 1. All. Piazza

AGLIANA: Bogani 22, Belotti, Consorti 8, Nieri, Cavicchi 15, De Leonardo 10, Meoni, Limberti 11, Pinna 5, Grillini. All. Bertini

ARBITRI: Toscano di Asciano (Si) e D’Angelo di Siena

NOTE: parziali 17-22, 30-46, 63-55. Usciti per 5 falli De Falco e Consorti

Vittoria in rimonta per la Geonova che con un parziale di 33-9 nel secondo quarto schianta l’offensiva della capolista Agliana che fino a quel momento aveva dominato sul parquet del Palatagliate. Sono gli ospiti a partire meglio e a prendere subito il largo con Consorti che dopo 5 minuti piazza la tripla del 7-14. La reazione passa per 4 punti consecutivi messi a segno da Meucci ma poi una tripla di Cavicchi e un’altra di Bogani ristabiliscono le distanze. Il vantaggio tocca la doppia cifra in avvio di seconda frazione con una tripla ancora di Limberti (17-27). Per i padroni di casa ci prova De Falco che con un gioco da tre punti riduce fino al 24-29 ma la forza d’urto degli ospiti non si placa spinta ancora dai canestri di De Leonardo e Bogani per il 30-46 dell’intervallo.

Dopo la pausa in campo scendono due squadre completamente differenti. I lucchesi cambiano subito marcia e in meno di due minuti confezionano un 12-0 di parziale che diventa 16-0 con una tripla di Del Debbio che confeziona il sorpasso in appena 2’50”. Ma i lucchesi non si fermano perché dopo aver messo la freccia continuano ad allungare ancora dall’arco con Del Debbio e Loni, poi De Falco segna il 60-50 per il 29-4 di parziale in sei minuti e mezzo. Agliana rimane scossa e fatica a reagire così dopo il +12 di Danesi (67-55) l’unico a provarci ancora è De Leonardo dall’arco ma ormai l’incontro è indirizzato e con Meucci che segna il +15 (74-59) a 5 minuti dalla fine, alla Geonova non rimane che gestire il vantaggio fino alla sirena.

 unnamed (2)

Giuseppe Piazza: «Nello spogliatoio non è successo niente da punto di vista tecnico, io sono convinto che la testa sia tutto negli sport di squadra. E’ bastato guardarci in faccia e dirci che il tipo di intensità che avevamo avuto fino a quel momento non avrebbe portato a niente. Nella ripresa abbiamo cominciato con tre canestri che ci hanno dato la spinta, poi l’intensità è cresciuta in modo incredibile e la cosa bella è che siamo riusciti a portare sei giocatori in doppia cifra e a distribuire bene i punti contro una difesa fisica e organizzata. Poi difensivamente sia stati molto più intensi e abbiamo perso metà dei palloni rispetto al primo tempo. Questo ci ha permesso di confezionare il recupero».

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi