Header ad
Header ad
Header ad

“Bodini. Sculture, disegni, incisioni 1958/2000”: presentato il catalogo dell’esposizione con il collezionista e amico Gatti

Bodini. Sculture, disegni, incisioni 1958/2000

Presentato il catalogo dell’esposizione con il collezionista e amico Gatti

L’esposizione resta aperta fino al 6 marzo al Palazzo della Fondazione Banca del Monte di Lucca

Ingresso libero

Con la scomparsa di Floriano Bodini se ne è andato l’ultimo Maestro del Novecento”. Così Giuseppe Gatti, collezionista e amico dello scultore di Gemonio, che ha contribuito al percorso ideativo della mostra “Bodini. Sculture, disegni, incisioni 1958/2000, fino al 6 marzo alla Fondazione Banca del Monte di Lucca.

Gatti, che ha prestato alla Fondazione alcune opere di Bodini in suo possesso, ha visitato stamani la mostra insieme a Maria Stuarda Varetti, curatrice dell’esposizione insieme a Nicola Loi, Flavio Arensi. “Bodini era uno scultore molto generoso – ha aggiunto – che valorizzava i giovani. Il suo atelier era sempre pieno di amici che lo andavano a trovare”.

In occasione della visita guidata gratuita è stato presentato il catalogo dell’esposizione, edito da Maria Pacini Fazzi editore: nelle sue 80 pagine, la figlia dello scultore e direttrice del Museo Civico Floriano Bodini di Gemonio, Sara Bodini, racconta i 10 anni che ci separano dalla sua scomparsa, le iniziative realizzate e il rapporto del padre con la Toscana. Il volume raccoglie i seguenti contributi: “Bodini esistenziale” di Flavio Arensi, “Bodini a Lucca” di Pier Carlo Santini e “Floriano Bodini” di Ulrico Guerrieri, oltre ad alcuni scatti dello scultore concessi dalla famiglia; è introdotto dal presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Alberto Del Carlo, e contiene scatti dell’esposizione.

La mostra è la prima a 10 anni dalla morte, comprende opere mai o raramente visibili al pubblico ed è realizzata in collaborazione con il Museo Civico Floriano Bodini (Gemonio) con lo Studio Copernico (Milano) e con l’Archivio Bodini (Milano), con il patrocinio del Comune di Gemonio.

Resterà aperta a ingresso libero fino al 6 marzo tutti i giorni dalle 15 alle 19; il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Sede della mostra: Palazzo delle esposizioni della Fondazione della Banca del Monte di Lucca (piazza San Martino, 7 – Lucca).

Nella foto allegata Giuseppe Gatti e Maria Stuarda Varetti, con l’opera “La Gatta” (1973)

Giuseppe Gatti, Maria Stuarda Varetti

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi