Header ad
Header ad
Header ad

LUCCA: Gli studenti “incontrano” fratel Arturo Paoli e don Lorenzo Milani

Fondo Documentazione Arturo Paoli della Fondazione Banca del Monte di Lucca
Gli studenti “incontrano” fratel Arturo Paoli e don Lorenzo Milani
dal 25 al 29 gennaio il progetto interesserà studenti di Lucca e Firenze

Conoscere fratel Arturo Paoli e don Lorenzo Milani attraverso le loro parole, i luoghi in cui hanno operato e le testimonianze dirette. È questo l’obiettivo del progetto scolastico che il Fondo Arturo Paoli – Fondazione Banca del Monte di Lucca proporrà ai giovani di tre classi di istruzione secondaria superiore di Lucca e Firenze dal 25 al 29 gennaio, in concomitanza con il Giorno della Memoria.

I 60 alunni provenienti dall’Isi E. Fermi di Lucca e dall’istituto di formazione professionale “Opera Madonnina del Grappa” di Firenze parteciperanno a una “tre giorni” rivolta a scoprire il pensiero e l’esempio di Paoli e Milani: entrambi sacerdoti, educatori di giovani, scrittori, esponenti di una Chiesa impegnata nella difesa dei poveri e della giustizia, operatori di pace e promotori di uguaglianza.

Il percorso si aprirà lunedì 25 gennaio a Lucca, con una giornata dedicata ad Arturo Paoli, al suo impegno durante la guerra e in America Latina. A parlare non saranno solo conoscitori e amici di fratel Arturo, ma anche numerose immagini e soprattutto i luoghi lucchesi più significativi. Dopo una tappa al Villaggio del Fanciullo, che accoglierà i giovani per il pranzo, si proseguirà con una rappresentazione teatrale su Arturo Paoli e don Aldo Mei, curata da due giovani attori di teatro di Altopascio, Sara Pennati e Stefano Giuntini.

La giornata di martedì 26 gennaio sarà dedicata a don Lorenzo Milani, con la visita all’Opera Madonnina del Grappa di Firenze Rifredi (un tempo seminario in cui studiò don Milani) e a Barbiana, piccolo paese sulle montagne del Mugello, dove don Milani fondò la famosa scuola da cui nacque “Lettera a una professoressa”.

Venerdì 29 gennaio il percorso si concluderà a Sant’Anna di Stazzema. La visita ai luoghi dell’eccidio e al Museo della Pace, l’incontro con esperti e con un testimone, consentiranno di conoscere direttamente uno dei momenti più dolorosi e atroci della storia recente che hanno interessato la provincia lucchese.

Il progetto è stato possibile grazie alla collaborazione degli operatori del Museo della Pace di S. Anna di Stazzema, della Fondazione don Lorenzo Milani di Barbiana e del Villaggio del Fanciullo di Lucca, nonché delle professoresse Paola Paoli e Daniela Dal Colletto dell’Isi E. Fermi di Lucca e della professoressa Antonella Randazzo dell’Opera Madonnina del Grappa di Firenze.

www.fondazionebmlucca.it/fondopaoli/

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi