Header ad
Header ad
Header ad

“Dipingere l’incantesimo”: è subito successo

Prosegue il programma espositivo del 2015

Dipingere l’incantesimo”: è subito successo

E anche il senatore Marcucci si complimenta con gli organizzatori

fino al 17 gennaio nel Palazzo delle Esposizioni della Fondazione Banca del Monte di Lucca

Ingresso libero

La mostra “Dipingere l’incantesimo – Pittori nelle terre di Lucchesia di inizio ‘900” che ha preso il via sabato 19 dicembre al palazzo delle esposizioni della Fondazione Banca del Monte di Lucca (piazza San Martino, 7 – Lucca), è stata un successo immediato, con tantissimi ospiti che hanno visitato l’esposizione approfittando del sabato e della domenica pre-natalizi. Numerose le autorità che si sono presentate al taglio del nastro, davanti a un auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca particolarmente affollato che ha visto tra il pubblico anche Paolo Del Debbio, il noto giornalista Mediaset, che si è complimentato per la qualità dell’esposizione.

Anche il senatore Andrea Marcucci, presidente della commissione del Senato Istruzione Pubblica e Beni Culturali, ha inviato un messaggio di ringraziamento al presidente della Fondazione, Alberto Del Carlo, complimentandosi per il livello qualitativo dell’esposizione: “La mostra sarà certo molto visitata – ha scritto il senatore –, sia per il periodo trattato, uno dei più fertili per la nostra terra dal punto di vista artistico, si per la curatela del professor Sereni, che non è solo un caro amico, ma è anche uno dei massimi studiosi italiani di quella stagione, da tutti i punti di vista. Dipingere l’incantesimo è un viaggio emozionante , una vera e propria immersione nella nostra terra, nella campagna lucchese, intorno alle montagne della Garfagnana, accanto ai paesaggi della Valle del Serchio, lungo le spiagge della Versilia. Ad accompagnarci in questo viaggio del cuore, troviamo una serie di grandi maestri, due tra tutti Lorenzo Viani e Carlo Carrà, per arrivare a contemporanei come AlessandroTofanelli. Vedere queste opere riunite ne tre piani della sede della Fondazione, ed ammirare dalle sue finestre il panorama di una Lucca mozzafiato, è una di quelle occasioni che non si possono perdere”.

L’esposizione riunisce oltre 80 dipinti, tra cui un Carrà, la maggior parte dei quali conservati in collezioni private e raramente o mai visti dal pubblico; l’apertura è fino al 17 gennaio, con ingresso gratuito, dal martedì al venerdì 10,30-12,30 e 15-19. Giorni di chiusura: tutti i lunedì, il 25 dicembre 2015 e il 1 gennaio 2016.
Info: www.fondazionebmlucca.it

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi