Header ad
Header ad
Header ad

LUCCA CENTRO DELLE NEUROSCIENZE

Oltre 150 partecipanti nel Complesso di San Francesco

per l’evento annuale della Società Italiana di Psicofisiologia

LUCCA CENTRO DELLE NEUROSCIENZE

A IMT un congresso per scoprire i segreti del cervello

Lucca, 20 novembre 2015. Ha preso il via giovedì una 3 giorni di interventi dedicati alla complessità del cervello umano. E’ il XXIII Congresso Nazionale della Società Italiana di Psicofisiologia (SIPF).

Sono oltre 150 i partecipanti che si sono riuniti nel Complesso di San Francesco per quello che è, tradizionalmente, un momento d’incontro e confronto scientifico interdisciplinare sui temi di maggiore rilevanza nell’ambito della Psicofisiologia e delle Neuroscienze di base e cliniche. I contenuti del convegno di quest’anno vertono sui temi di grande attualità nel dibattito neuroscientifico: integrazione e segregazione, connettività, reti, complessità, comunicazione.Ricciardi

«È la prima volta che il congresso SIPF ha luogo a Lucca – dichiara il Direttore di IMT Pietro Pietrini – e sono molto felice che ad ospitarlo sia proprio il nostro Istituto. Questa scelta non solo testimonia la lunga tradizione della ricerca scientifica toscana nell’ambito delle neuroscienze, ma soprattutto sostiene il crescente sviluppo di nuove sinergie tra gruppi nazionali di ricerca e i laboratori presenti nella realtà di IMT».

Giovedì mattina, nella splendida cornice della Chiesa di San Francesco, si è tenuta la cerimonia ufficiale di apertura dei lavori, alla presenza del Sindaco di Lucca Alessandro Tambellini. Il programma è proseguito poi con le relazioni di numerosi esperti nazionali e internazionali delle neuroscienze, che hanno presentato gli ultimi sviluppi e i più recenti aggiornamenti relativi alla complessità delle funzioni mentali. Di particolare rilievo le letture magistrali tenute dal Prof. Pier Giorgio Strata dell’Università di Torino e dal Prof. Corrado Sinigaglia dell’Università di Milano.

Pietrini

Presidente del Congresso è il Dott. Emiliano Ricciardi, Ricercatore presso il Dipartimento di Patologia Chirurgica, Medica, Molecolare e dell’Area Critica dell’Università di Pisa, allievo e collaboratore del Prof. Pietrini. «Questo evento rappresenta un’importante occasione di crescita e valorizzazione dell’intera comunità scientifica nazionale che opera nelle scienze della mente – afferma Ricciardi – L’invito ad assumerne l’organizzazione ha rappresentato un motivo di orgoglio e un onore».

Il giorno prima del congresso – mercoledì 18 novembre – si è tenuto nella Cappella Guinigi un workshop formativo rivolto a studenti e giovani ricercatori che hanno potuto aggiornarsi sulle principali e più innovative metodiche neurofisiologiche e neuroscientifiche per lo studio della connettività cerebrale.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi