Header ad
Header ad
Header ad

La Lucchese smarrisce la via e perde col Prato in casa

Lucchese-Prato 1-2

LUCCHESE: Di Masi, Benvenga, Nolè, Espeche, Mori, Mingazzini, Sartore (12’st Calcagni), Monacizzo, Pozzebon, Fanucchi (20’st Vita), Terrani(20’st Rosseti) . A disp. Ferrara, Maini, Lorenzini, Melli, Marchesi, Bianconi, Ashong, Ballardini, Mengoni, Vita. Allenatore Baldini

PRATO: Rossi, Grifoni, Benucci, Cavagna (4’st Gaiola), Ghinassi, Boni, Knudsen, Serrotti, Gomes, Capello (89’ Benedetti), Kouame (22’st Corvesi). A disp. Bardini, Matteo, Gabbianelli, Cela, Ogunseye, Formato. Allenatore De Petrillo

ARBITRO: Ranaldi della sezione di Tivoli, assistenti Diomaiuta e Vitaloni

RETI: 3’st Capello, 25’st Calcagni, 48’st Benedetti

NOTE: ammoniti Grifoni, Fanucchi, Kouame, Serrotti, Gomes, Ghinassi, Mingazzini. Al 21’pt Rossi para un rigore calciato da Fanucchi. Angoli 11-5

La Lucchese ha smarrito la via e dopo tre risultati utili consecutivi è incappata in una brutta e dolorosa sconfitta contro il Prato. Al Porta Elisa i rossoneri non sono infatti sembrati gli stessi delle tre partite precedenti e da subito hanno dato l’impressione di essere in difficoltà, con gli avversari che troppo spesso si avvicinavano alla porta difesa da un’incerto Di Masi. Che la serata fosse di quelle no lo si è poi ulteriormente capito quando alla Lucchese è caduto dal cielo un bel calcio di rigore… Dal dischetto Fanucchi si è fatto parare il tiro e l’illusione di poter passare in vantaggio in modo inatteso si è frantumata sui guantoni del portiere ospite.

Dopo pochi minuti dall’inizio della ripresa, poi, il gol del Prato… che era in pentola a bollire da inizio partita. A realizzarlo Capello con una bella girata al volo dopo un calcio di punizione battuto furbescamente. Al 25′ sempre della ripresa la Lucchese in modo un po’ naif è riuscita a pareggiare grazie alla rete messa a segno da Calcagni.

Il finale di gara ha poi raccontanto un’adagio fra i più classici del calcio. Gol sbagliato… Gol subito!!! Per sfortuna rossonera a sbagliare è stato Pozzebon, che dopo un bel contropiede sul più bello non ha freddato il portiere del Prato, mentre è stato più cinico l’ex Benedetti che nei minuti di recupero ha messo in rete ed ha chiuso le ostilità a favore dei suoi.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi