Header ad
Header ad
Header ad

PHOTOLUX ESPONE AD ARLES, NEL FESTIVAL DI FOTOGRAFIA PIÙ NOTO AL MONDO

PHOTOLUX ESPONE AD ARLES, NEL FESTIVAL DI FOTOGRAFIA PIÙ NOTO AL MONDO
“Penny Penny day” di Marco Casino ad Arles con Photolux Festival e Enrico Stefanelli

Lucca, 19 giugno 2015 – Photolux vola ad Arles e porta in mostra il fotografo italiano Marco Casino. Il riconoscimento è di quelli che fanno sobbalzare, se si pensa che la biennale lucchese di fotografia è stata invitata ufficialmente daila Manuel Rivera-Ortiz Foundation, nell’ambito dei Rencontres d’Arles, il festival di fotografia contemporanea più importante del mondo, a presentare una propria mostra nei giorni della kermesse francese. “Penny Penny day”, questo il titolo dell’esposizione, curata dal direttore artistico del Photolux Festival, Enrico Stefanelli, con gli scatti di Marco Casino, che sarà inaugurata il prossimo 6 luglio all’interno del palazzo della Manuel Rivera-Ortiz Foundation di Arles.

Quello di Casino è un percorso per immagini su uno spaccato tradizionale della vita in Sudafrica, attraverso ritratti posati: in particolare ad essere indagato e raccontato dal fotografo è il Penny Penny day, la tipica festa popolare, che si ripete ogni anno il 5 novembre, in cui i bambini si travestono come le loro madri e vanno in giro per strada chiedendo un penny in cambio di danze e canzoni tipiche. La tradizione prende corpo dalla notte del 5 novembre 1605, la notte di Guy Fawkes (diventato famoso per V per Vendetta), quando un membro del Gunpowder Plot fu arrestato dopo essere stato colto nell’intento di piazzare dell’esplosivo sotto la Camera dei Lord. Per celebrare il fatto che il Re Giacomo I riuscì a sopravvivere dall’attentato, le persone iniziarono ad accendere falò intorno alle città.

Da tempo impegnato nel reportage fotografico e nella fotografia di denuncia, Marco Casino è un fotografo italiano di grande prestigio. All’inizio dell’anno ha esposto alla Leica Galerie di Milano con la mostra “Born Free”, un racconto per immagini nella vita quotidiana delle nuove generazioni del Sudafrica, quelle cresciute nel ventennio successivo all’abolizione dell’Apartheid. Tra i temi trattati, anche il fenomeno del train surfing, sport estremo che consiste nell’eseguire acrobazie all’esterno dei treni in corsa. È inoltre vincitore del World Press Photo Multimedia Contest 2014 nella categoria Short Feature e Leica Ambassador. Gli scatti esposti sono stati realizzati soprattutto a Katlehong, la seconda più grande township del Sudafrica, facente parte della municipalità di Johannesburg.

 

Sono iniziati intanto i preparativi per la prossima edizione di Photolux Festival, che si terrà dal 20 novembre al 13 dicembre a Lucca, proponendo mostre, incontri e workshop con importantissimi fotografi internazionali sul tema del sacro e profano.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi