Header ad
Header ad
Header ad

La Lucchese, dopo cinque vittorie in casa consecutive, perde con l’Ancona

Dopo 5 vittorie consecutive tra le mura amiche, la Lucchese interrompe la propria marcia andando a perdere contro l’Ancona in una partita da mezza classifica che però stuzzicava le due compagini per la possibilità di accedere alla Tim Cup della prossima stagione. I rossoneri mai veramente pericolosi, impostano il gioco fino al vantaggio della compagine marchigiana, poi tentano la rimonta e subiscono la beffa del due a zero. Al 15 il primo tiro in porta è di matrice anconetana con Cognini che viene servito da un compagno e dall’angolo alto dell’area di rigore lascia partire un tiro che Di Masi ferma comodamente a terra. Sul capovolgimento di fronte Pagano “copia” l’avversario e dal limite sinistro dell’area tenta di sorprendere Lori senza però riuscirvi. Al 27 ancora Lucchese, calcio d’angolo battuto da Pagano a servire Espeche che al volo da fuori area servito al limite dell’area calcia non fortissimo, il tiro rimbalza sui piedi di Forte che sul rimpallo tenta una rovesciata goffamente deviata da Lori. Al 32 Degeri serve Pagano che crossa in mezzo all’area, di tacco Rajcevic serve Forte che al volo insacca in rete, ma il sig Schirru prende un abbaglio macroscopico ed annulla il gol per fuorigioco presumibilmente dello’autore del gol. Gira il minuto 37, Lisai va sul fondo crossa al centro dell’area e Nolè devia la palla che sembra uscire sul fondo. Di Masi si ferma, convinto che l’arbitro fischi la rimessa, ma il gioco continua e la palla attraversa la porta e viene calciata in rete in mezza rovesciata da Cognigni. Uno a zero, fra le timide proteste dei padroni di casa.

Nel secondo tempo la storia non cambia, Ancona sorniona, Lucchese con le idee appannate che cerca di recuperare lo svantaggio. Al 55 su angolo Lisai viene servito gira verso la porta dove Di Masi è bravo a respingere ma sulla ribattuta irrompe Dierna che al volo infila la rete del due a zero. Tre minuti dopo la Lucchese ormai palesemente a trazione anteriore potrebbe accorciare le distanze, ma Lori para in tuffo un bel tiro di Forte. Da qui alla fine non succederà più niente di rilevante, o meglio si vedranno tante azioni di attacco da parte rossonera ma la stanchezza mentale (forse dovuta alle grandi energie psicofisiche usate nella rimonta alla zona centrale della classifica) porterà ad azioni confusionarie. Di contro i bianchi marchigiani faranno di tutto per perdere tempo e rallentare le azioni pur di portare a casa i tre punti. Finisce così due a zero per gli ospiti, che con una formazione largamente farcita di giovanotti hanno avuto la cattiveria e la volontà di voler vincere la partita, forse aiutati un po’ troppo dalla terna arbitrale. Ma il calcio è così e così va preso.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi