Header ad
Header ad
Header ad

Emanuela Grimalda al Differenti di Barga

Un modo diverso e speciale per festeggiare le donne. Regala, in occasione della Festa delle donne, una poltrona a teatro per vedere Emanuela Grimalda. Un’interprete amata che a Barga porta il suo nuovo spettacolo: Le difettose (6 marzo ore 21). Lo vedremo al teatro dei Differenti praticamente fra i primi in Italia perché debutta in anteprima nazionale all’inizio di marzo.

Tanto cinema, tanto teatro anche con la partecipazione al progetto di Serena Dandini Ferite a morte spettacolo contro il femminicidio e la violenza sulle donne. E poi le fiction: Un medico in famiglia dove interpreta la mitica Ave, Tutti pazzi per amore, Boris, Non è mai troppo tardi e recentemente nella bellissima miniserie L’angelo di Sarajevo.

Le difettose racconta un mondo, quello della sterilità e della procreazione assistita, ancora poco conosciuto, nonostante sia oggetto di così tanti pregiudizi, un microcosmo apparentemente marginale, sotterraneo, invisibile a occhio nudo, in realtà assai popoloso e destinato a crescere, ma soprattutto ricco di storie, allegro e disperato, trasversale e vitalissimo. “Le difettose” non è però solo un romanzo sulla fecondazione artificiale. Dentro alla ricerca di un figlio che non arriva e al tentativo di correggere, grazie alla scienza, i difetti della natura, si nasconde una metafora più grande della vita. In un’epoca che ha sacralizzato i desideri e in cui l’uomo ha strumenti potenti per manipolare la realtà, la medicina ha spostato i limiti in avanti, non li ha eliminati. Il concepimento e la nascita rimangono comunque complessi e misteriosi, non seguono statistiche, percentuali, calcoli, strategie, sono liberi, densi di possibilità, imprevedibili. E la realizzazione dei desideri non è regolata solo dalla volontà umana. C’è una parte insondabile e incostante che non si riesce a imbrigliare e che possiamo chiamare sorte, destino, karma, Dio. O fortuna, come la definivano i latini. Da questo punto di partenza è scaturito un soggetto nuovo. Uno spettacolo adattato al teatro dall’autrice stessa assieme ad Emanuela Grimalda, attrice e autrice versatile e anomala, capace di spaziare dal teatro e cinema d’autore al prodotto popolare e da Serena Sinigaglia, autorevole e interessantissima regista della scena italiana. Il teatro per dare corpo e voce a quel desiderio di Infinito di cui il desiderio di un figlio è parte, ma che appartiene a tutti. A donne e uomini.

Prenotazioni allo 0583724791 oppure alla mail cultura@comunedibarga.it

Biglietti da 13 €

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi