Header ad
Header ad
Header ad

“La Mandragola ovvero la dilettevole historia di messer Nicia, becco e contento” a Teatro

Teatro Comunale “Idelfonso Nieri” – Ponte a Moriano, Lucca, 01/11/2014 – Ore 21:15
La Mandragola ovvero la dilettevole historia di messer Nicia, becco e contento
La compagnia “F.I.T.A. – Comitato Provinciale di Lucca” presenta

La Mandragola ovvero la dilettevole historia di messer Nicia, becco e contento

di Niccolò Machiavelli

I Teatranti di Fabio Cicaloni / Grosseto presentano “La Mandragola ovvero la dilettevole historia di messer Nicia, becco e contento” di Niccolò Machiavelli ——————– La Mandragola (1518) è la più bella commedia del Cinquecento. Essa trasporta sulla scena le riflessioni che l’autore aveva fatto in ambito politico nel Principe e che stava facendo nella stesura di altre opere ad essa coeve, in particolare Dell’Arte della guerra, la Vita di Castruccio Castracani e le Istorie fiorentine. Soltanto se inserita in questo contesto di testi politici e militari essa acquista la sua importanza e mostra il suo valore. La commedia è ambientata a Firenze nel 1504. Callimaco, che ha 30 anni e da 20 vive a Parigi, sente parlare della bellezza e dell’onestà di Lucrezia, moglie di Nicia, un avvocato che è molto più anziano di lei. Decide perciò di lasciare la città per Firenze con l’intenzione di possederla. Si fa aiutare da Ligurio, un consigliere cinico ed astuto che pensa di sfruttare il desiderio di Nicia di avere figli per aiutare Callimaco. Il piano è perfetto: Callimaco si finge un famoso medico venuto da Parigi e riesce a conquistarsi subito la fiducia del vecchio Nicia fornendo come ricetta un decotto di mandragola. Il farmaco però ha un effetto collaterale: uccide il primo uomo che ha rapporti con la donna. Nicia, benché spaventato, accetta la soluzione che gli viene proposta: far giacere la donna con un altro uomo che morirà al suo posto. Su consiglio di Ligurio, Nicia cerca di ottenere il consenso della moglie facendola convincere dalla madre Sostrata, di costumi ben diversi dalla figlia, e dal confessore, fra’ Timoteo, ben disposto a fornire il suo aiuto in cambio di una lauta ricompensa. A sera Callimaco invia la pozione di mandragola al Lucrezia, mentre Nicia, Ligurio e frà Timoteo, che si finge Callimaco, vanno a caccia del giovane che dovrà giacere con la donna … ——————– Regia di Fabio Cicaloni
per informazioni: Rita 320/6320032

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi