Header ad
Header ad
Header ad

VOLLEY: Delta Luk UPL parte bene nel campionato di C

Omf Capannoli – Delta Luk upl 3-0 (25-19; 25-20; 25-18)

Netta sconfitta in terra pisana sabato sera per il Delta Luk di Stefano
Orti , il punteggio è inclemente e inchioda la squadra in un passo indietro
rispetto la bella prova fatta vedere il sabato precedente contro il San
Giuliano. Le ragazze locali hanno dimostrato di essere molto abili in difesa
giocando una pallavolo essenziale e ovviamente a loro vanno i complimenti
per aver saputo raddrizzare la gara nei momenti di difficoltà evitando in
ogni situazione di dare vantaggi emotivi a Delta. La considerazione è che la
gara fosse da giocare , che il risultato avrebbe potuto essere un altro , ma
che le nostre si siano bloccate quando avrebbero dovuto dare le giuste
“zampate”.

Veniamo alla gara in una sintetica cronaca :

Torriani , Scognamiglio, Pecene, Barberini , Risaliti e Puccinelli in
attacco, Bresciani e Bartoli al palleggio, Piegaia, Martinez e Ricci al
centro , Davini libero le ragazze chiamate per la gara tutte impiegate da
Stefano Orti. Primo set con partenza shock per un parziale di 9-2 a favore
OMF senza una reazione apprezzabile almeno fino a metà gara quando dopo il
20-11 una serie di punti consecutivi ridava alle bianco blu lucchesi
convinzione per un’impresa di recupero ai limiti del fattibile . Ma la serie
si interrompeva più per la ricaduta in una sequenza di errori davvero
veniali più che per grandi cose espresse in quel frangente dalle locali :
25-19 e chiusa la prima frazione di gioco.

Il solito primo set concesso alle avversarie ? Il solito set di cui Delta ha
bisogno per “riscaldarsi”? Sembrava dire questo il secondo set almeno fino
alla sua metà quando il punteggio dava un vantaggio interessante a Delta per
poter pensare di pareggiare il conto set e rigiocare la partita. Ma a
differenza del sabato prima , la freddezza necessaria per chiudere la
frazione si fermava a 19 quando prima Delta si faceva raggiungere e poi
superare staccando la spina in attacco e scegliendo il suicidio in difesa e
in battuta. Dal vantaggio al 24-19 in un attimo per poi chiudere 25-20
subendo psicologicamente un knockdown troppo grande per la loro esperienza .
Il terzo set come ultima spiaggia per riaprire la gara in realtà è stato la
rappresentazione di un concentrato di errori che hanno consegnato l’intera
posta all’OMF per un 25-18 finale davvero poco combattuto.

Passi indietro? Forse la sintesi più lucida è che la gioventù di queste
ragazze non permette ancora di poter contare su stabilità e maturità e
ancora che la capacità di reazione è “risultatopatica” tanto da essere in
rapporto diretto con quegli episodi che rialzano il morale , bisognerà
lavorare su questo perché dal punto di vista tecnico le potenzialità sono
elevate e assolutamente in linea con le avversarie viste finora.

Il prossimo sabato , 1 novembre , all’ITIS arriverà il Grosseto sponda
Aurelia antica , ottima occasione per vedere come verrà affrontata la gara e
soprattutto se il lavoro nella settimana avrà riportato equilibrio nelle
convinzioni singole e di team.

Il passaggio da bruco a farfalla è sempre faticoso , le ragazzine del Delta
sono in piena metamorfosi aspettiamo che imparino a volare.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi