Header ad
Header ad
Header ad

Le Mura Spring: intervista a Imma Gentile

LE MURA SPRING NEWS…
Serie B: inizia l’avventura.
Intervista ad IMMA GENTILE.

In occasione dell’inizio del campionato di serie B regionale abbiamo intervistato il capitano de Le Mura Spring, un’atleta che a Lucca ha deciso di vivere e svolgere la propria professione, oltre che giocare a Basket, la sua grandissima passione.

Una giocatrice che non ha bisogno di presentazioni: Imma Gentile.

Ciao Imma, mi fa piacere vederti ancora a “battagliare” sul parquet con i colori di Lucca
e, questa volta, dopo l’esperienza della UISP dello scorso anno, sei il capitano de Le Mura Spring in B. Cosa mi racconti di questa nuova esperienza?
Sono super emozionata come una bimba piccina.
Contentissima di accettare questo ruolo e incarico che non mi pesa assolutamente. 
Mi rimetto in gioco con il mio corpo e la mia mente a 39 anni (non è facile te l’assicuro dopo un anno di stop) una scommessa per tutti e per chi ha puntato su di me!
Ringrazio a questo proposito di cuore il presidente Nerini, il Dirigente Filippetto e il “mitico” Filesi per questo bel progetto: dove c’è Basket – Giovani – Passione – Cuore io mi sento bene.
Accanto a te c’è il gruppo “storico” della Spring ma anche una tua vecchia conoscenza come Giuditta Barone…
Hai ricostruito un tandem di gioventù? Raccontaci qualche aneddoto…
Io e Giuditta si può dire che siamo cresciute a pane e basket, all’età di 13 anni abbiamo giocato insieme e da li non ci siamo mai più allontanate se non x motivi sportivi e lavorativi. Siamo “sorelle” da mamme diverse.
Quest’estate quando le ho raccontato che mi piacerebbe rigiocare insieme a lei e Adriana Grasso (che x pochissimo non ci siamo riusciti) la sua risposta è stata immediata:
“è qual’è il problema… vengo subito”.
È iniziata da qui la nostra nuova avventura, cercare casa a Lucca, cercare un lavoro per lei, come dirlo alle nostre mamme, battute di ogni genere dei miei nipoti Ale e Stefano e i miei fratelli Nando e Guido. “Dove andate voi 2 vecchie di 40 anni con bimbe di 18 anni? Ecc…
Voglio comunque davvero ringraziare tutto il gruppo storico Spring che già dal 1° allenamento ci ha accolto benissimo. M chiedevano della Grasso, perché vorrebbero vincere. 
Mi hanno coinvolto e chiesto consigli. Ed io ho detto la mia. 
In un gruppo ogni contributo può essere utile, a partire da quello del coach Luca Andreoli (giovane adrenalinico), o di Nanni e Nicola, super professionisti, 
Nella Spring abbiamo tutti un ruolo, dobbiamo rispettare delle regole e procedere sullo stesso binario allenandoci con il sorriso e professionalità ed è quello che sta succedendo.
Cuore, voglia di mettersi in gioco, essere protagoniste, essere responsabili e avere idee chiare anche solo a 18/19 anni se si vuole vincere! Spero al più presto che faranno parte del gruppo anche Bea e Letizia pedine super importanti per noi! 
Che obiettivi vi ponete? Come vedi la squadra?
Me lo devi richiedere verso Natale, perché ci vogliono sempre 2/3 mesi per capire dove si può arrivare. Io ci provo e mi auguro con un pizzico di ottimismo che arriveremo nelle prime 3 del campionato per poi, a quel punto, scommettere su di noi, perché come ben sai 
i playoff sono un campionato a parte. Facciamo un passo alla volta. 
Ora bisogna vincere per fare gruppo e poi raggiungere a lungo termine i nostri obiettivi!
Il gruppo fa la differenza!  La professionalità/cuore fa gruppo! 
E la vittoria fa tutto!
Grazie mille IMMA, ti verremo a vedere al Palazzetto.
In bocca al lupo per tutto.
In bocca a lupo a tutti: alla Spring, a Le Mura e a tutto il basket lucchese.
Ciao

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi