Header ad
Header ad
Header ad

Record italiano di discesa nell’abisso: ci provano gli Speleo Mannari

Appuntamento all’abisso Roversi (Garfagnana) per i membri versiliesi e da tutta Italia
Record italiano di discesa nell’abisso: ci provano gli Speleo Mannari
Tra venerdì 10 e domenica 12 ottobre il gruppo tenterà l’impresa con lo speleo sub Luca Pedrali

LUCCA, 8 ottobre 2014 – Questo fine settimana, tra venerdì 10 a domenica 12 ottobre, il gruppo “Speleo Mannari” tenterà l’impresa di battere il record italiano di discesa in profondità, raggiungendo i meno 1350 metri dell’abisso Paolo Roversi, in Garfagnana, che termina con un sifone sinora inviolato da sguardo umano. Tra i principali promotori della caccia all’importante traguardo c’è anche un giovane speleo versiliese, Riccardo ‘Zairo’ Nucciotti.

Ma saranno gli speleo sub Luca Pedrali e Nadia Bocchi Pedrali a calarsi nell’abisso Roversi fino ad individuare il sifone terminale. Scenderanno venerdì mattina e faranno una prima tappa al campo base situato a meno 800 metri, dove trascorreranno la notte nei loro sacchi a pelo.

Sabato mattina discenderanno di altri 550 metri.

Sarà a questo punto che Luca tenterà l’immersione nel sifone, dopo 20 anni dall’ultima volta che qualcuno si è spinto sino a questo punto. La discesa è così impegnativa che i due sportivi hanno deciso di portare solo un’attrezzatura: per questo la moglie Nadia lo aspetterà al rientro dall’esplorazione del sifone.

Lo chiameremo il sifone del Mannaro – annuncia Luca in un’intervista sul canale youtube di Culture Sotterranee e sulla pagina Facebook dei Mannari (https://www.youtube.com/watch?v=xeivwk4xpfs&feature=youtu.be&list=UUhmwDqMXMayglRWdqqJrr9w)-. Abbiamo parlato con persone che sono state sul suo bordo 20 anni fa circa, e raccolto testimonianze discordanti sulla sua natura: alimentato o meno, acqua azzurra o stagnante. Valuteremo che tipo di sifone è, con una prima immersione ricognitiva, per poi decidere se c’è la possibilità di andare avanti. Fino a che le bombole mi permetteranno di andare avanti, lo farò”.

Il programma prevede un ulteriore pernottamento sabato notte al campo base, situato a meno 800 metri, e domenica la lunga risalita verso la superficie, dove ad attenderli ci saranno molti Mannari giunti da tutta Italia e anche dalla Svizzera.

Il nostro gruppo è un po’ diverso da quelli tradizionali – spiega Zairo –: non siamo un’associazione ma un gruppo, e puntiamo a grandi e belle imprese condivise, raccogliendo moltissime adesioni. Facciamo un tipo di esplorazione che sta cambiando le regole della speleologia esplorativa: non più l’antica celebrazione dell’eroismo di pochi, ma la condivisone partecipativa di molti. Come nel nostro caso, alcune delle esplorazioni più impegnative a livello nazionale le stanno realizzando realtà non riconducibili a forme e strutture dei gruppi speleo così come li conosciamo”.

Per maggiori informazioni:
Remo Rossi:
rossi_remo1@virgilio.it, 338.679.73.92
https://www.facebook.com/speleo.mannari

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi