Header ad
Header ad
Header ad

OldNew Quintet – Messengers Ways a Lucca Jazz Donna

Appuntamento venerdì 26 settembre alle 18 a Palazzo Ducale con la batterista Laura Klain

OldNew Quintet – Messengers Ways a Lucca Jazz Donna

Concerto gratuito “Aspettando Lucca Jazz Donna 2014” per il calendario “Schegge di festival”

Aspettando Lucca Jazz Donna 2014”: il concerto gratuito dell’“OldNewQuintet – Messengers Ways” venerdì 26 settembre alle 18 nella Sala del Trono di Palazzo Ducale.

Proseguono gli appuntamenti collaterali del decimo anno di Lucca Jazz Donna e del calendario “Schegge di Festival”, la rassegna culturale promossa da Provincia di Lucca e Regione Toscana che propone gratuitamente, nell’ambito di appuntamenti culturali, anteprime musicali, concerti e performance delle manifestazioni aderenti al progetto regionale “La Toscana dei Festival”, che quest’anno riunisce Lucca Jazz Donna, Opera Barga, Barga Jazz, Massarosa Jazz Festival e IAM Festival di Castelnuovo Garfagnana.

Sul palco, nella cornice della mostra fotografica “Women in Jazz” con gli scatti di Laura Casotti che raccontano la storia del festival (visitabile fino a sabato 27 dalle 9 alle 19), Andrea Imparato al sax, Marco Bartalini alla tromba, Sebastian Marino al piano, Andrea Cozzani al basso, Laura Klain alla batteria. “Una formazione – spiega la Klain – che segue il filone dello scambio generazionale tra musicisti, attraverso l’insegnamento lasciato dai grandi musicisti come Art Blakey, Horace Silver e tanti altri; un progetto che è un omaggio ai grandi rivoluzionari del jazz ‘fatto insieme’, contornato da alcune composizioni originali”.

Laura Klain si è avvicinata da piccola allo studio delle percussioni etniche e ha intrapreso in giovanissima età la carriera di musicista professionista partecipando a tour mondiali con il gruppo di Eugenio Bennato. A 16 anni ha iniziato ad allargare i suoi orizzonti aprendosi allo studio della batteria e scoprendo l’amore per il jazz. Si è quindi specializzata proprio nel jazz, concludendo il triennio di studio al Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma con il Maestro Roberto Gatto.

Lucca Jazz Donna è organizzata dal 2005 dal Circolo Lucca Jazz insieme al Comune di Lucca ed alla Provincia di Lucca, con il sostegno dalla Regione Toscana, della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Banca del Monte di Lucca e la collaborazione di moltissimi soggetti ed associazioni che negli anni l’hanno supportata e continuano a farlo.

Il prossimo appuntamento di Lucca Jazz Donna è sabato 27 settembre dalle 15 alle 18 a Palazzo Ducale (Sala del Trono), con il workshop fotografico di Laura Casotti riservato alle fotografe e ai fotografi che hanno partecipato all’apposito bando e che sono stati selezionati.

Per informazioni: www.luccajazzdonna.it

Ulteriori punti informativi: Centro Pari opportunità della Provincia di Lucca, Cortile degli Svizzeri, 2 (0583.417.489, centro.po@provincia.lucca.it) e Comune di Lucca, Ufficio relazioni con il pubblico, via del Moro, 17 (0583.44.24.44, urp@comune.lucca.it).

Cosa è Lucca Jazz Donna

Lucca Jazz Donna è un festival dedicato alla figura femminile; la cadenza è annuale e il suo scopo è individuare, selezionare e valorizzare la donna nel jazz: nel canto, nella composizione e nell’arrangiamento, nell’uso dei vari strumenti e stili musicali.

È nato nel marzo 2005 perché cadesse nel periodo in cui ricorre la festa della donna, negli anni si è sviluppato in diverse stagioni dell’anno.

Sin dalla prima edizione ha portato a Lucca alcune tra le più grandi stelle del panorama jazzistico. È stata lanciata sul suo palco, quando era un astro nascente, la batterista Kim Thompson, oggi ricercatissima sulla piazza musicale newyorkese. Nel 2006 è stata ospite Ruth Young, ultima compagna di Chet Baker, per anni assente dalla scena musicale. In quella edizione ha fatto la sua comparsa anche un artista d’eccezione, il clarinettista di fama mondiale Tony Scott. Nel 2007 sono state ospiti Nicky Nicolai, la sassofonista americana Lisa Pollard, che è stata elemento stabile dell’orchestra di Duke Ellington, MaiaClaire e Joy Garrison, figlie di Jimmy Garrison. Nel 2008 è stata ospite d’onore la grandissima violinista Regina Carter, ed ha chiuso il festival Roberta Gambarini, considerata l’erede di Ella Fitzgerald, cantante italiana molto conosciuta e apprezzata soprattutto negli Stati Uniti. Nel 2009, edizione dedicata a Billie Holiday a 50 anni dalla sua scomparsa, si sono esibite artiste come Michele Hendricks, Rita Marcotulli e Tiziana Ghiglioni, mentre nel 2010 è stata la volta di Susanna Stivali & Stefania Tallini, Virginia Mayhew, Giuliana Soscia, Claudia Tellini, Carla Marciano e i “Gaia Cuatro” con, dal Giappone, la violinista Ashka Kaneko. Il 2011 ha visto ospiti nomi come la pianista statunitense Dena DeRose l’esuberante talento giapponese Chihiro Yamanaka e la coinvolgente Ana Karina Rossi in “Piazzolla al femminile”. Il 2012, anno in cui il festival si è svolto in due sessioni (una primaverile e una autunnale), ha visto ospiti la cantante statunitense Denise King e Antonella Mazza al contrabbasso e voce, Anna Chulkina al violino e Michela Lombardi alla voce in una serata realizzata in collaborazione con Lubec, salone nazionale dei beni culturali.

Lucca Jazz Donna 2013 è stata dedicata in particolare alle strumentiste, con una vivace e flessibile successione di set in cui sax, chitarra, pianoforte, contrabbasso e batteria hanno regalato note esclusivamente al femminile. Non sono mancate neppure voci importanti come la raffinatissima Barbara Casini, che ha attraversato elegantemente il mondo musicale del Brasile, così come Titta Nesti che ha coinvolto il pubblico nella sua costante ricerca di sonorità.

A partire dal 2008 si è svolto nell’ambito del festival il Premio Lucca Jazz Donna per la migliore formazione jazz emergente al femminile, per valorizzare la crescita dei giovani talenti donne nel jazz. Il concorso ha avuto un discreto successo a livello nazionale, assegnando ogni anno un premio al miglior progetto la cui leader è donna. Al momento è in corso la sesta edizione del premio.

Appuntamento attesissimo per gli appassionati del genere, Lucca Jazz Donna ha registrato negli anni un incremento costante di pubblico e di apprezzamento da parte dei musicisti e degli addetti ai lavori. Il calendario generalmente comprende concerti in diverse location del centro storico, alcuni dei quali a ingresso libero. Il sito della manifestazione è www.luccajazzdonna.it

Il programma dettagliato del festival è consultabile su www.luccajazzdonna.it. Ulteriori punti informativi: Centro Pari opportunità della Provincia di Lucca, Cortile degli Svizzeri, 2 (0583.417.489, centro.po@provincia.lucca.it) e Comune di Lucca, Ufficio relazioni con il pubblico, via del Moro, 17 (0583.44.24.44, urp@comune.lucca.it).

Biglietti e informazioni per il pubblico

Per i concerti del 17, 18 e 25 ottobre, il costo dell’intero è 12 euro, 8 il ridotto. Hanno diritto alla riduzione i soci del Circolo Lucca Jazz, gli over 65 e gli under 25, gli studenti delle scuole di musica del territorio che presentano la tessera di iscrizione.

I concerti del 10, 23 e 24 ottobre, come tutti gli eventi collaterali (tranne il workshop fotografico), sono a ingresso libero.

Dal momento che le location hanno una capienza relativa, l’organizzazione invita gli interessati a presentarsi con un certo anticipo; per i concerti a pagamento, si raccomanda l’acquisto del biglietto a partire dalle 18 del giorno stesso del concerto presso la biglietteria del teatro di San Girolamo.

Organizzazione

Comune di Lucca, Provincia di Lucca, Circolo Lucca Jazz, con il sostegno della Regione Toscana, della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Banca del Monte di Lucca.

Direzione artistica e coordinamento festival: Patrizia Landi. Da un’idea di Giampiero Giusti.

Fotografo Ufficiale: Laura Casotti – Responsabile accrediti fotografici

Collaborazioni
Opera delle Mura, Azienda Usl 2 Lucca, Fondazione antica zecca di Lucca, Mediaus, Publimax, AnimaJazz, Jazzitalia, Istituto Musicale “Luigi Boccherini” di Lucca, Il Cappellaio Matto Centro Musicale di Lucca, Menicagli Centro Pianoforti di Livorno.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi