Header ad
Header ad
Header ad

Alla 58a Coppa Aeronautica Internazionale “Gordon Bennett” anche un socio fondatore del Vincenzo Balloon Club di Lucca

Il “Team Italia” – ITA 1 – ha partecipato alla 58a Coppa Aeronautica Internazionale Gordon Bennett – una delle massime manifestazioni dell’ aerostatica mondiale.

Fra i componenti della squadra italiana c’era anche il Capitano  Enzo Cisaro, uno dei  più esperti piloti italiani della disciplina, fra l’altro socio fondatore della prima associazione culturale di volo in Mongolfiera della nostra città: il  “Vincenzo Lunardi Balloon  Club” (www.luccaballoonclub.it) , sodalizio intitolato al settecentesco eroe lucchese dell’aria,  di cui i membri vorrebbero riportare in patria il corpo sepolto a Lisbona.

Grande soddisfazione  all’interno dello storico sodalizio culturale lucchese, fondato dal giornalista Massimo Raffanti,  ideatore di  tante manifestazioni ed eventi di volo  in Lucchesia, fra l’altro autore del volume “Volare in Mongolfiera”, testo presentato lo scorso settembre all’Agorà di Lucca, con prefazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune e della Contessa Maria Fede Caproni, dell’omonimo  Museo Storico-Aeronautico di Trento.

Ma sentiamo Enzo Cisaro la cronaca dell’avventuroso volo in pallone a gas che, con decollo notturno,  si è recentemente svolto in Francia.

Il  ns.I-OECM era anche quest’anno il più piccolo aerostato in gara : 840 mc di volume contro i 1.050 mc di tutti gli altri aerostati (gli aerostati 1000/1050
mc possono decollare mediamente con un “surplus” di circa 200 kg di zavorra rispetto al nostro – con la possibilità di raggiungere quote più elevate mantenendo una buona riserva di zavorra e quindi ancora grande autonomia di volo ): un ” handicap” rilevante in una competizione di lunga distanza.
La tattica di gara che avevamo studiato in base ai profili di volo fornitici dal ns. partner meteo “Datameteo” era pertanto la seguente : puntare verso Nord-Est ad una quota fra 2000 e 3000 m per sorvolare Nord-Est Francia , Germania e Polonia in modo da sfruttare l’autonomia del ns. Netless 840 mc per un volo di lunga distanza possibilmente fino al confine con la Russia . Peccato che il 29 agosto data fissata per la partenza della Gordon Bennett la situazione meteo fosse radicalmente cambiata ! La direzione prevalente dei venti a tutte le quote era verso sud ponendoci in una situazione sfavorevole poichè con il
ns.aerostato non era attrezzato ( flotation survivor suites o zattera autogonfiabile- survival kit etc.) per un’eventuale traversata del Mediterraneo e quindi dovevamo limitare il raggio d’azione ad un possibile atterraggio nel sud della Francia.Ma inaspettatamente dopo lo spettacolare decollo notturno (ore 00,29) dall’ Hippodrome di Vichy riuscivamo ad infilarci in una corrente
che a bassa quota era diretta proprio verso Nord ! Eʼ molto difficile ed impegnativo volare a bassa quota di notte – quindi nel buio più completo – con il rischio di andare ad urtare eventuali ostacoli al suolo , ma dovevamo cercare di rimanere nel flusso di questa corrente verso Nord.Era per noi la direzione migliore per l’auspicato volo di lunga distanza che ci avrebbe portato i verso i grandi spazi del Nord- Est della Francia e proseguendo per quelli dell’Europa centro-orientale.Purtroppo approssimandosi le prime luci dell’alba la direzione del vento ha iniziato a ruotare verso Est – Sud / Est e poi Sud.
Interpellando nuovamenete “Datameteo” abbiamo potuto verificare che la direzione dei venti a tutte le quote era ora verso sud , quindi si ritornava addirittura indietro verso Vichy.Ma la distanza che conta in questa competizione è quella in linea retta dal punto di partenza e non quella effettivamente percorsa .Dopo 8 ore di volo abbiamo dovuto pertanto prendere la decisione di atterrare a Regniè-Durette piccolo centro abitato fra I vigneti ( Region Rhone-Alpes ). Il sindaco dellʼameno villaggio ci subito
raggiunto dandoci il benvenuto!
Dimenticando per un momento la classifica potevamo così compiacerci per la felice conclusione di unʼaltra bella ed interessante esperienza di volo”.

Enzo_Cisaro

CHI E’ ENZO CISARO:

Enzo Cisaro, nato a Torino nel 1939, è l’unico pilota e istruttore italiano di pallone libero a gas. Il 19 marzo 1972 supera l’esame per il brevetto di pilota di pallone libero e il 5 aprile riceve la relativa licenza dall’Ufficio Federale Svizzero dopo più di 3 anni di tirocinio ed esperienza. In seguito consegue il brevetto di pilota di pallone libero italiano.

Vanta nel suo curriculum la traversata delle Alpi, la partecipazione a ben 8 campionati del mondo per aerostati a gas e a più di 50 gare italiane ed internazionali. Ha inoltre curato l’organizzazione di molte manifestazioni aerostatiche .
   

VINCENZO LUNARDI BALLOON CLUB FACEBOOK

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi