Header ad
Header ad
Header ad

Torna Boccherini Open Gold ed è già musica

Torna Boccherini Open Gold ed è già musica

Il festival, ideato dall’Istituto “Boccherini”, è cominciato il 5 settembre e durerà fino al primo ottobre, incantando Lucca con concerti, masterclass e laboratori

Lucca, 8 settembre – Un mese di grande musica con Boccherini Open Gold. Si sono alzati i sipari su Boccherini Open Gold, seconda edizione. Il festival, ideato e organizzato dall’Istituto musicale “L. Boccherini” grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Banca del Monte di Lucca e con il patrocinio del Comune di Lucca, che l’ha inserito – anche per quest’anno – nel programma del Settembre Lucchese, torna così a riempire di buona musica la città per tutto il mese di settembre. Un programma ricco e variegato, interessante e di grande attrattiva; una proposta complessa, capace di alternare masterclass, concerti e laboratori di formazione. Con un unico obiettivo: regalare a Lucca, ai suoi cittadini e ai tanti turisti che la animano, trenta giorni di esibizioni ricercate e di qualità, con l’alternanza sul palco di alcuni tra i più autorevoli interpreti internazionali della musica classica, d’orchestra e da camera.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa nella sede dell’Istituto, dal direttore del “Boccherini”, M° GianPaolo Mazzoli. «Siamo al secondo anno di questo appuntamento molto particolare e importante – ha spiegato il direttore Mazzoli – che va ad arricchire un’offerta culturale e musicale già molto attraente. Rispetto all’anno scorso abbiamo arricchito il calendario con ulteriori concerti, cercando di coinvolgere più zone della città. Boccherini Open Gold è un festival, una rassegna musicale che di volta in volta cerca di crescere e di migliorarsi. I grandi artisti che verranno a Lucca nei prossimi giorni, conosciuti e acclamati in tutto il mondo, non solo terranno delle lezioni di perfezionamento per gli studenti, ma incanteranno la città con il loro talento esibendosi in concerti gratuiti aperti a tutti». Una particolarità, quest’ultima, che bene è stata sottolineata anche dal presidente dell’Istituto “Boccherini”, Paolo Cattani. «È giunto il momento che non solo la città, ma anche gli enti, si rendano conto dell’eccellenza che hanno a portata di mano grazie all’Istituto Boccherini – ha affermato – Le difficoltà non mancano, sono noti a tutti i tagli di cui siamo stati oggetto. Questi tagli sono un grave errore, l’Istituto è una risorsa, un valore aggiunto per Lucca e come tale va sostenuto».

Il festival è partito il 5 settembre con la prima masterclass in flauto traverso, tenuta da Paolo Taballione, e continuerà fino al 1° ottobre, ultimo giorno della masterclass in pianoforte con Pietro De Maria. Ad aprire il palinsesto dei concerti, invece, è spettato a tre appuntamenti consecutivi che hanno segnato l’inizio di un’edizione curata nei minimi dettagli. Il via ufficiale è stato affidato alla sapienza del violista Demetrio Comuzzi che insieme alla pianista Anna Maria Curti Giardina hanno condotto lo spettatore in un viaggio musicale sulle tracce della viola tra Italia ed Europa, sabato scorso a Palazzo Pfanner. Domenica, invece, è stata la volta di uno flautisti più importanti al mondo Paolo Taballione, che, nell’auditorium del “Boccherini”, si è esibito insieme a Leonardo Bartelloni al pianoforte. Questa sera, 8 settembre, invece, gli allievi della masterclass in flauto traverso terranno un concerto alle 18 sempre nell’auditorium di piazza del Suffragio. I concerti riprendono il 10 settembre alle 21,15, sul palco dell’Istituto musicale. “Six Sonates pour le clavecin avec l’accompagnement d’un violon e violoncelle di Luigi Boccherini”, questo il titolo della serata che vedrà il Trio Maffei, composto da Stefano Maffei al pianoforte, Claudio Maffei al violino e Massimo Maffei al violoncello, stupire il pubblico con un’esecuzione impeccabile. Brahms e Schumann, gli spiriti affini del Romanticismo tedesco, faranno la loro comparsa a Palazzo Pfanner giovedì 11 settembre, eseguiti da Luca Celoni (violino), Demetrio Comuzzi (viola), Paolo Ognissanti (violoncello) e Anna Maria Curti Giardina (pianoforte). Grande attesa, poi, è prevista per il concerto del 12 settembre: Raphael Wallfisch, uno dei violoncellisti più famosi al mondo, accompagnato dall’Orchestra dell’Istituto di piazza del Suffragio, salirà sul palco della Chiesa di San Francesco, a pochi passi dalla tomba che accoglie le spoglie del celebre violoncellista lucchese, Luigi Boccherini. A GianPaolo Mazzoli è affidato il compito di dirigere la compagine orchestrale, mentre la serata sarà arricchita dalla partecipazione del laboratorio di formazione corale condotto da Sara Matteucci. Due giorni dopo, il 14 settembre alle 18, gli allievi della masterclass di viola del Maestro Demetrio Comuzzi, terranno un concerto al “Boccherini”, mentre alle 21,15 sarà la volta degli studenti del Maestro Wallfish. Gli ultimi due eventi sono fissati per martedì 23 settembre e per mercoledì 1° ottobre. Si parte con “Beatlemania”, concerto serale dei pianisti Ilio e Caterina Barontini e si chiude con l’esibizione degli studenti della masterclass di pianoforte tenuta dal pianista Pietro De Maria. Entrambe le serate si svolgeranno nell’auditorium dell’Istituto musicale “L. Boccherini” in piazza del Suffragio alle 21,15.

I concerti sono ad ingresso libero, escluso quello dell’11 settembre (Palazzo Pfanner) al costo di cinque euro. Per informazioni consultare il sito web: www.boccherini.it

Qua il link dell’intervista a Mazzoli: http://youtu.be/abAwkQ0iaN0

Qua il link dell’intervista a Cattani: http://youtu.be/DMgne4qbP4Q

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi