Header ad
Header ad
Header ad

Premio Satira 2014 – Premi a Virginia Raffaele ed allo spettacolo “Stasera non escort”

42° PREMIO SATIRA POLITICA 2014

Sabato 13 settembre 2014, alle ore 17,30, alla Capannina di Franceschi a Forte dei Marmi saranno premiate l’imitatrice VIRGINIA RAFFAELE che riceverà il Premio Satira Politica 2014 per la sezione “Parodia”,  e lo spettacolo comico “STASERA NON ESCORT”, con Margherita Antonelli, Alessandra Faiella, Rita Pelusio e Claudia Penoni, che riceverà il Premio Satira Politica 2014 per la sezione“Teatro”.

 «Le donne non butterebbero mai la bomba atomica… perché fa disordine».

 (Luciana Littizzetto)

Per capire una donna ci vuole una donna, per capire un uomo ci vuole un maiale.

 (Geppi Cucciari)

Le comiche fanno ridere? Un tempo a questa domanda si sarebbe risposto con scetticismo, oggi, una generazione di comiche ha eliminato ogni possibile dubbio. Le attrici comiche si sono affermate in televisione soprattutto negli anni ’90, prendendo di mira il potere; il loro sarcasmo è diventato di rottura e se fino a quel  momento la donna era stata brava a far ridere di sé, ora diventava abile a far ridere anche degli altri. Le donne iniziavano a parlare dei propri complessi, a prendersi gioco dei limiti degli uomini, della società e delle sue contraddizioni con un’ironia mordace che attinge al vissuto femminile quotidiano.

Se Franca Valeri ha sempre sostenuto che non bisogna cercare le differenze tra la comicità femminile e quella maschile ma che l’importante è riuscire a far ridere, le comiche premiate della 42esima edizione del Premio Satira 2014 ridere fanno certamente.

VIRGINIA RAFFAELE  riceverà il premio il Premio Satira Politica 2014 per la sezione “Parodia”.

Virginia Raffaele è un’attrice dalle mille sfaccettature, comica, imitatrice e conduttrice. Negli ultimi anni le sue imitazioni e parodie hanno invaso il piccolo schermo suscitando ammirazione ma anche qualche imbarazzo negli stessi personaggi imitati.

Celebri le imitazioni di Renata Polverini, Roberta Bruzzone, Eleonora Brigliadori (reduce dall’Isola dei Famosi), di Nicole Minetti, Francesca Pascale,  Belen e Maria Elena Boschi.

Lo sketch della copertina di Ballarò con l’imitazione del Ministro Boschi ha suscitato polemiche. Il ministro, però, ha smorzato i toni su Twitter: “E’ un’imitatrice straordinaria. A me piace molto. Ci ho riso sopra”

 

Alcuni esempi (vedi link) in cui Virginia Raffaele consacra per l’ennesima volta il suo talento.

 

https://www.youtube.com/watch?v=eRUPWunttzU

 

http://www.media.rai.it/articoli/raid-di-virginia-raffaele-su-la7/20431/default.aspx

 

Dice la Raffaele:

“Per me la satira è neutra, non ha sesso. Mi colpisce un particolare e lavoro su quello, m’incuriosisce per prima cosa la persona. Poi è chiaro, per la proprietà transitiva, se è un ministro del nuovo governo, vai a colpire anche la politica”.

“Nel governo Renzi, la Boschi ha catturato subito la mia attenzione: è bella, giovane, in gamba… Ma nello sketch anche il giornalista ammaliato che ci casca con tutte le scarpe, fa ridere. È satira bisex… Quanti ne conosciamo di uomini così? Che vuol dire sessismo in questo caso? Le donne sanno essere ironiche e autoironiche. Il ministro Boschi ha uno sguardo bellissimo, mi è venuto naturale interpretarla. La satira prende di punta il potere, ma la mia era innocente: in più ho scelto la colonna sonora del film “Un uomo e una donna”, il massimo del romanticismo”.

Sono queste le parole, dell’imitatrice e comica Virginia Raffaele accusata di sessismo a proposito dell’imitazione del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi.

E ancora:

“La Santanchè e la Biancofiore se la sono presa per la parodia della Pascale, avevano detto che era razzista, lei invece si è divertita. Alla fine se un comico prende di punta un personaggio pubblico finisce per renderlo simpatico. Ma la Minetti era una politica? Mah. Era un’igienista politica dentale”.

“Le mie, più che imitazioni sono parodie; invece, nel caso di Belen, c’è stata la magia: la mia voce ha un timbro simile, gioca su toni bassi, come la sua, quindi tutto è stato più facile. La verità è che se la Rodriguez mi viene così bene, è soprattutto un fatto di fortuna”.

“Nelle mie imitazioni non c’è mai la volontà di offendere. In genere voglio raccontare un mondo”.

VIRGINIA RAFFAELE stata protagonista di molte trasmissioni di successo. Ha partecipato a Mai dire Grande Fratello (2009) della Gialappa’s Band, nel corso del quale ha avuto grande risalto mediatico per le sue imitazioni di Federica Rosatelli, Cristina Del Basso, concorrenti del Grande Fratello 9, Giusy Ferreri e Malika Ayane.  Nel 2010 entra nel cast di Quelli che il calcio in qualità di imitatrice, dove ottiene successo facendo, tra le altre, la parodia di Roberta Bruzzone, Belén Rodríguez, Nicole Minetti e Francesca Pascale (fidanzata di Silvio Berlusconi).

Nel 1999 si diploma alla scuola di recitazione L.T.I. di Roma diretta da Pino Ferrara. Dopo alcune esperienze teatrali nel 2005 inizia una grande amicizia con conseguente collaborazione artistica con Lillo&Greg, con cui debutta al Teatro Ambra Jovinelli con il musical “The Blues Brothers, il plagio” (2005). Sempre con il duo dal 2006 lavora in un programma radiofonico dal titolo “610”. L’esperienza televisiva inizia con “Quelli che il calcio”, condotto da Simona Ventura, dove si trova ad interpretare un’inviata dallo Stadio Olimpico e prosegue poi con “Bla Bla Bla”, un Talk Show sui RaiDue ideato e condotto da Lillo&Greg dove interpreta personaggi assurdi e surreali. Nel 2009 entra nello staff di “Mai Dire Grande Fratello”, con la Gialappa’s Band, parodiando con successo personaggi della “casa” e cantanti italiane. Nelle stagioni 2009 e 2010  fa parte del cast di Victor Victoria su La7.  Dalla stagione 2010/2011 alla stagione 2012/2013 fa parte del cast di “Quelli che il calcio “ su Rai 2. Nel 2012 è la conduttrice insieme a Francesco Pannofino del concerto del primo maggio su Rai 3.

Nel 2012 prende parte al film di Fausto Brizzi dal titolo “ Com’è bello far l’amore” . Nel 2013 conduce con Ubaldo Pantani degli “Mtv awards” su Mtv. Nell’autunno 2013 conduce “Striscia la notizia “ con Michelle Hunziker in onda per 3 settimane. Nel 2014 partecipa a “Ballarò” su Raidue facendo due copertine e a “Giass” su Canale 5. Nel 2013 prende parte al film di Giovanni Veronesi “ L’ultima ruota del carro” e sempre con la regia di Veronesi prende parte al film “Una donna per amica”.

Lo spettacolo teatrale STASERA NON ESCORT con Margherita Antonelli, Alessandra Faiella, Rita Pelusio e Claudia Penoni riceverà il Premio Satira Politica 2014 per la sezione“Teatro”.

Il premio viene assegnato a Margherita Antonelli, Alessandra Faiella, Rita Pelusio e Claudia Penoni protagoniste dello spettacolo comico “Stasera non Escort”.

STASERA NON ESCORT è un divertente e spietato viaggio nelle aberrazioni quotidiane femminili, una passeggiata all’aria aperta che ci porta dritte negli inferi della nostra società, dove si compie la parabola discendente della donna contemporanea. In pratica una specie di Rocky Horror Picture Show al silicone.

Le attrici posano il loro sguardo  impietoso sulle  disparità tra i sessi, nella sessualità, nell’immagine  offerta dai  media, nel  mondo  del lavoro. Un mondo, quello della società di oggi, talmente assurdo e paradossale da fornire un’infinità di spunti comici, sebbene di fronte alla desolazione di certi scenari il riso si faccia a volte amaro. Le attrici si alternano sulla scena tra monologhi e canzoni, dissertando  in  modo comico  sulla  realtà  contemporanea,  soffermandosi  su  temi  cari  al  mondo femminile: dall’autostima all’incomunicabilità tra i sessi, dalle fiabe  alla pubblicità, presentando al pubblico personaggi esilaranti quali: la signora Varagnolo (la ‘desperate housewife’ di Pinerolo), l’antropologa esperta in escort, la  cantante  di  liscio  Daccela  e  le  velone.  Quattro  straordinarie  attrici  disposte  a  tutto  pur  di demistificare a colpi di risate i luoghi comuni sul mondo delle donne.

La Giuria del Premio Satira: Roberto Bernabò, Filippo Ceccarelli, Pasquale Chessa, Pino Corrias, Beppe Cottafavi, Serena Dandini, Massimo Gramellini, Bruno Manfellotto, Giovanni Nardi, Cinzia Bibolotti, Franco A. Calotti.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi