Header ad
Header ad
Header ad

Ecco i nuovi spazi espositivi dell’Archivio di Stato di Lucca

 

Interverranno Giorgio Tori della Fcarilu e Paolo Sabbatini Bertoncini di Unipi

Ecco i nuovi spazi espositivi dell’Archivio di Stato di Lucca

L’inaugurazione venerdì 5 settembre alle 17,30 con la presentazione del volume di Velia Gini Bartoli, edito PubliEd, “Lucca tra Repubblica e Principato”

Si inaugurano venerdì 5 settembre alle 17,30 i nuovi spazi espositivi dell’Archivio di Stato di Lucca, agli ex Macelli, grazie all’intervento di restauro sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca sotto la guida di Giorgio Tori, ex direttore dell’Archivio di Stato e membro del Consiglio di Amministrazione della fondazione.

L’evento che aprirà le porte delle nuove sale al pubblico è la presentazione del libro dell’architetto Velia Gini Bartoli “Lucca tra Repubblica e Principato”, edito PubliEd, e della relativa mostra documentaria. In via del Pubblici Macelli, 155, in Pulìa (questo l’indirizzo preciso), si potrà così vedere sulle carte, e in particolare su una “grande” pianta della città, una Lucca che non conosciamo, ma che esisteva fino a 200 anni fa: la città com’era prima di Elisa Bonaparte Baciocchi.

Essa comprende il quartiere di San Pietro Maggiore, le mura senza la porta marmorea, i fossi in corso Garibaldi, gli edifici che sorgevano prima delle attuali Poste centrali e della Manifattura tabacchi: elementi architettonici tutti studiati in questa pubblicazione (che è stata preceduta da un I volume), che si configura così anche prezioso strumento di lavoro per tecnici, professionisti e politici che operano ed opereranno sul tessuto urbano.

Alla presentazione, dopo i saluti istituzionali, interverranno Giorgio Tori per la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Paolo Sabbatini Bertoncini dell’Università di Pisa.

La pubblicazione del volume, realizzato grazie ai contributi di Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca e Comune di Lucca, ha visto la collaborazione dell’Archivio di Stato di Lucca anche nel suo contenuto, considerando la notevole mole di documenti messi a disposizione, ed è promossa dal Ciscu, Centro internazionale di studi sulle cerchia urbane.

 

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi