Header ad
Header ad
Header ad

Storia e storie, curiosità e aspetti inediti di Napoleone e del suo tempo

 

Cani, intrighi internazionali e il capolavoro di Abel Gance per le conversazioni di fine agosto

Storia e storie, curiosità e aspetti inediti di Napoleone e del suo tempo

Attesa per i freschi réndez-vous nel chiostro di San Micheletto

Ingresso libero

Al mondo ci sono Cani, e cani. Quelli con e quelli senza. La nota Camicia. Cosa c’entrano con Napoleone, la sua Grande Armée e le sue due mogli? Molto più di quanto si possa immaginare. Ecco le storie che potrebbero raccontare, se avessero il dono della parola.

Un’isola (quasi) sperduta. Un Governatore inglese incaricato di custodire un prigioniero decisamente scomodo. Un medico, che il suddetto prigioniero scelse tra i pochi disponibili. Ma che mantenne fede alla sua promessa. Quale? E in favore di chi? Quel che avvenne a Sant’Elena, fa discutere ancora oggi.

Un film epico, un’opera inimitabile, un regista caparbio quasi quanto Napoleone. Come poteva non dedicare il suo capolavoro all’intramontabile Imperatore? Cosa significa davvero quel film?

Ecco i temi delle tre conversazioni che si terranno nel chiostro di San Micheletto (Lucca), nell’ormai consueto appuntamento di fine estate cui tutti sono invitati per scoprire particolari poco noti della vicenda umana, storica e talvolta epica dell’Imperatore, che più di molti altri continua a farsi amare o odiare, e le cui innovazioni segnano tutt’oggi profondamente anche la vita moderna.

Tornano infatti per l’ottava edizione le conversazioni estive del progetto “Da Parigi a Lucca: il gusto di vivere al tempo di Napoleone e Elisa”, ideato da Roberta Martinelli e realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione di Livorno, con la collaborazione del Comune di Lucca e della Provincia di Lucca e del Cineforum Cinit Ezechiele 25,17.

Appuntamento lunedì 18 agosto alle 21,30 per “Soldati a 4 zampe: nati con e senza la camicia”, di Velia Gini Bartoli e Simonetta Giurlani Pardini, martedì 19 agosto alle 21,30 con “Intrigo internazionale a Sant’Elena. Un governatore, un medico e l’Imperatore”, di Peter Hicks, docente universitario di storia, storico e responsabile delle relazioni internazionali della Fondation Napoléon di Parigi, e mercoledì 20 agosto sempre alle 21,30 per “Un regista alle prese con Napoleone. Abel Gance e il suo film leggendario”, di Pier Dario Marzi.

Il progetto “Da Parigi alla Toscana” (http://napoleoneeilsuotempo.wordpress.com) è nato nel 2007 sulla scia del rinnovato interesse verso il periodo napoleonico lucchese e toscano, stimolato dalle mostre e dal lavoro realizzati a partire dal 2002 dalla dottoressa Roberta Martinelli a Palazzo Ducale, e comprende iniziative che si svolgono durante tutto l’anno in diversi luoghi della Toscana (Lucca, Livorno, Elba). Ultima lunga collezione di eventi che annovera anche la recente mostra che Roberta Martinelli e Velia Gini Bartoli hanno curato ed allestito al Musée de l’Armée di Parigi, dal titolo “Avec Armes et bagages. Dans un mouchoir de poche” (26 ottobre 2012 – 13 gennaio 2013; 238 oggetti esposti, con la partecipazione di 25 soggetti tra musei, biblioteche internazionali e raccolte private), nata in seguito alla mostra “Mito e Bellezza” (Lucca, 2009-2010), e che ha ispirato un nuovo filone di studi internazionali sul rapporto tra l’Imperatore e il costume.

Come di consueto, al termine della serata sarà possibile gustare qualcosa di fresco gentilmente offerto dalla Pasticceria Pinelli. Info su http://napoleoneeilsuotempo.wordpress.com e su www.facebook.com/napoleonidi

 

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi