Header ad
Header ad
Header ad

A Palazzo Ducale la mostra “Sant’Anna di Stazzema – Il Silenzio”

Nel percorso viene esposta una selezione di opere del ciclo dedicato alla strage da Serafino Beconi. La mostra resterà aperta fino al 21 settembre nella Sala Staffieri

E’ stata inaugurata giovedì 31 luglio  a Palazzo Ducale (Lucca) la mostra “Sant’Anna di Stazzema – Il Silenzio”, del pittore versiliese Serafino Beconi. Il 2014 è un anno importante per la memoria di Sant’Anna di Stazzema. 70 anni dalla strage20 anni dall’apertura dell’armadio della vergogna10 anni dall’inizio del processo. La Provinciadi Lucca e la Fondazione Banca del Monte di Lucca, in collaborazione con il Comune di Stazzema, hanno scelto di ricordare il tragico evento con una mostra: per non dimenticare, per costruire un futuro di pace. Si tratta di un percorso espositivo non tradizionale cheinterpreta i tre giorni che hanno cambiato la storia di Sant’Anna e di tutto il territorio della Versilia. L’11 di agosto, il giorno prima, la vita nella quiete della montagna apuana, apparentemente protetti dalle atrocità della guerra. Il 12 agosto, l’arrivo dei soldati, la disperazione delle madri, i pianti dei bambini, la strage, un’incomprensibile rappresaglia eseguita con indescrivibile crudeltà. Il 13 agosto, il silenzio. A Sant’Anna tutto tace: solo la morte e la disperazione parlano dentro un silenzio che è proseguito per decenni. Ci sono segnali di speranza nella più totale desolazione: i pochi bambini superstiti; una speranza che 50 anni dopo si svela nei documenti del ritrovato Armadio della Vergogna e, finalmente, l’inizio del processo. Una speranza e una memoria che diventa un progetto nella costituzione a Sant’Anna di un Parco della Pace. Nel percorso è esposta unaselezione di opere del ciclo dedicato alla strage da Serafino Beconi, l’artista  scomparso nel 1997 che tra il 1959 e il 1964 si è dedicato quasi totalmente alla memoria di Sant’Anna di Stazzema, “incapace o impossibilitato – come ebbe a dire egli stesso – di dedicarsi a qualunque altra cosa”, che gli sembrava vana e futile al confronto di tale tragedia. La mostra, ideata e allestita da Alessandra Guidi, ha il catalogo edito da Pacini Fazzi Editorecon i contributi di Carlo CarliEmmanuel Pesi e Corinna Beconi, la figlia del pittore. La mostra resterà aperta, a ingresso libero, dall’1 agosto all’1 settembre, dalle 17 alle 23, e da martedì 2 a domenica 21 settembre, dalle 15 alle 19. Il percorso di visita avrà inizio ogni 30 minuti. Giorno di chiusura: lunedì. Per gruppi e scolaresche, su richiesta è prevista l’apertura fuori orario.In allegato si può visionare la locandina. Per informazioni:info@fondazionebmluccaeventi.it

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi