Header ad
Header ad
Header ad

“Toscana 2020”: La cooperazione nasce fra banchi di scuola

L’iniziativa è promossa da Confcooperative Toscana e Federazione BCC
“Toscana 2020”: La cooperazione nasce fra banchi di scuola
Presentato il nuovo progetto dedicato alle scuole

Lucca, 15 aprile 2014 – Creare associazioni cooperative all’interno delle scuole di primo e secondo grado della Toscana fornendo agli studenti i primi strumenti utili per la gestione del credito. Con questo obiettivo è stato presentato oggi a Lucca il progetto ‘Toscana 2020’ promosso da Confcooperative Toscana in collaborazione con Federazione toscana delle BCC. Si tratta di un progetto che si propone di portare in maniera concreta le imprese cooperative nelle scuole della regione, avvicinando i giovani ai valori che le contraddistinguono, ovvero quelli della democrazia economica, della solidarietà e del lavoro imprenditoriale.  Negli istituti scolastici che hanno aderito Toscana 2020 farà nascere Associazioni cooperative scolastiche (a.c.s), che simuleranno delle vere e proprie imprese sociali.  I gruppi di studenti  potranno  dunque sperimentare il lavoro di gestione di una cooperativa e avranno a disposizione un conto corrente, punto di partenza indispensabile per avviare le attività.

La creazione di a.c.s. è solo una delle azioni programmatiche previste da Toscana 2020 per i prossimi mesi. Difatti il progetto prevede anche la formazione degli insegnanti, che avranno un ruolo decisivo nel raccontare, spiegare agli studenti la storia, l’attualità, i valori e i principi della cooperazione nelle loro classi. Verranno poi organizzati degli incontri con i presidenti o rappresentanti del mondo della cooperazione in modo che i giovani possano avere una testimonianza diretta e concreta del lavoro che svolgono quotidianamente. Un’altra azione pensata da Toscana 2020 è quella che riguarda un percorso di educazione al credito e al risparmio per gli studenti delle scuole, attraverso un’analisi critica dell’economia per contribuire alla nascita nuovi imprenditori cooperativi.

Con il progetto Toscana 2020 il mondo della cooperazione riparte dalle nuove generazioni – ha spiegato Claudia Fiaschi, presidente di Confcooperative Toscana – Il progetto propone ai ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori della nostra Regione di mettersi in gioco come gruppo classe con l’aiuto degli insegnanti e dei nostri educatori, nella costituzione, gestione, e sviluppo di vere e proprie cooperative sperimentali. Un modo semplice, concreto ed efficace per misurarsi con i valori e gli strumenti dell’economia cooperativa. Un investimento per formare i cooperatori di domani e per un’economia differente e davvero “civile”, perché l’economia cooperativa non è soltanto un modo semplice (la srl a 1 €) per trasformare in impresa collettiva il talento di ciascuno, ma è anche un modo sostenibile per creare sviluppo economico e sociale attraverso pratiche di democrazie economica, mutualità e solidarietà.

Roberto Frosini, Direttore della Federazione Toscana BCC, ha sottolineato:“ Questo progetto rappresenta una vera opportunità per i nostri ragazzi di sperimentare concretamente che è possibile contribuire a costruire un’economia ed una società più giusta e partecipata. Anche questo è un esempio tangibile di presenza sul territorio delle nostre 27 banche di credito cooperativo che da sempre sono vicine ai giovani e alla loro crescita”.

“Le acs già attive hanno dimostrato la capacità dei giovani di mettersi in gioco sui temi imprenditoriali e sociali e la voglia di protagonismo che contraddistingue le nuove generazioni alle quali è importante dare opportunità di espressione” Ha spiegato Federica Fantacci, coordinatrice regionale del progetto.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi