Header ad
Header ad
Header ad

‘Piantate in terra come un faggio o una croce” ad Artè

Sabato 15 marzo ad Artè lo spettacolo ‘Piantate in Terra come un faggio o una croce’ di e con Elisabetta Salvatori

CAPANNORI – ‘Piantate in terra come un faggio o una croce”, la vita di Caterina da Siena e Beatrice di Pian degli Ontani, è lo spettacolo che sabato 15 marzo ad Artè, con inizio alle ore 21, chiuderà le iniziative promosse dal Comune e dalla Commissione Pari Opportunità in occasione della Festa Internazionale della Donna. Dopo il bel concerto di Nada e l’emozionante iniziativa ‘Noi siamo il mondo’, che ha visto la partecipazione della signora Elisabetta Baldi vedova del giudice Caponnetto, il palco di Artè ospiterà lo spettacolo scritto e interpretato da Elisabetta Salvatori, accompagnata dal violino  di Matteo Ceramelli.

Lo spettacolo racconta le vite di Caterina Benincasa e Beatrice Bugelli, ovvero, Santa Caterina da Siena e Beatrice di Pian degli Ontani, la poetessa pastora. Le due donne non si sono mai incontrate: a dividerle ci sono secoli di storia e ad unirle un’infinità di fili sottili e affascinanti. Entrambe analfabete, entrambe nate in famiglie umili si rivelarono straordinarie e caparbie comunicatrici. In due epoche, dove era difficile tutto, figuriamoci essere donna e umile, divennero riferimento di compaesani e di potenti, di intellettuali e pontefici, di disperati e sovrani. Ogni vicenda è raccolta da fonti biografiche. Per Beatrice, i documenti di Francesca Alexander e Niccolò Tommaseo, per Caterina, il racconto del suo confessore B. Raimondo da Capua e Le lettere.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi