Header ad
Header ad
Header ad

Successo per il taglio del nastro di “Cuore di camelie” di Isabel Pacini

Successo per il taglio del nastro di “Cuore di camelie”

Isabel Pacini inaugura l’anno espositivo della Fondazione Banca del Monte di Lucca

Pittura: scultura fotografia: un 2014 di grandi mostre, tutte ad ingresso libero

Pittura, scultura e fotografia: l’Arte protagonista alla Fondazione Banca del Monte di Lucca. È stata la mostra di Isabel Pacini ad aver inaugurato sabato pomeriggio (1 febbraio) l’anno espositivo della fondazione bancaria lucchese, che anche per il 2014 presenta un nuovo calendario di eventi a ingresso libero, che troveranno collocazione nelle sale del Palazzo delle Esposizioni in piazza San Martino, nel centro storico di Lucca.

Ad aprire il nuovo calendario espositivo 2014 è stata la giovane artista di origine belgaha dato il via a “Cuore di camelie”, una personale realizzata nell’ambito delle Antiche Camelie della Lucchesia, la manifestazione organizzata dal Comune di Capannori che quest’anno festeggia il suo primo quarto di secolo. L’evoluzione artistica di Isabel Pacini dimora nel dialogo, silente e perciò potentissimo, fra la camelia e la sua anima. Il soggetto floreale è indubbiamente da lei molto amato, tanto da divenire pressoché esclusivo, l’unico con cui si è confrontata, ripetutamente e costantemente, nel corso di questi ultimi anni.

Dal 27 febbraio al 23 marzo, protagonista delle sale espositive della Fondazione sarà invece la fotografia, con la mostra sulla sanità storica lucchese a cura del Rotary Club.

Internazionalmente noto per le sue opere dal forte impegno politico, l’artista Paolo Baratella, dal 29 marzo al 4 maggio, presenterà una personale-evento dal titolo “Compianto quattordicidiciotto – La Grande Guerra”, un vero e proprio appuntamento con la memoria a cento anni esatti dallo scoppio del primo conflitto mondiale. Il suo lavoro pittorico e in video vorrà far riemergere la temperie del disastro umano che si consumò in quelle date, e soprattutto recitare attraverso le immagini un “compianto” per le vittime di un insensato e mostruoso conflitto tra popoli, messo in atto da criminali al potere in Europa. La sua attenzione si rivolgerà ai sopravvissuti “feriti nella mente”, come quel suo caro zio paterno, ospite nella casa natale bolognese, che fu gravemente colpito dal “trauma da esplosioni”, a cui la mostra sarà dedicata.

La giovane Elisa Zadi, astro nascentedella pittura contemporanea italiana,nota per la sua instancabile ricerca della Verità attraverso l’autoritratto, in questa occasione proporrà un importante ciclo di opere dedicate a personaggi storici legati alla tradizione e alla cultura lucchese, che verranno reinterpretati nella mostra “Sacri Miti – storie di uomini e santi”, che si terrà dal10 maggio al 2 giugno. Da sempre Elisa Zadi intraprende un percorso che la porta a sintetizzare una cifra stilistica personale e distintiva, una sorta di “figurativo rivelativo” dove coniugare introspezione e assidua osservazione della realtà. Il temperamento artistico di questa eccellente pittrice, lirico in quanto rivolto all’indagine interiore tramite la fisicità della figura umana, si pone l’ardito compito dell’analisi emozionale del reale, fatto non solo di grandi accadimenti, bensì di tutti quegli eventi minimi, eterni nella loro fugacità, che riempiono quotidianamente ogni piega dell’esistenza.

Dal 7 al 29 giugno sarà la volta di “Around the Wall – Lucca on Twincamera”, la mostra fotografica di Nicola Ughi, fotoreporter toscano conosciuto per i suoi lavori nel mondo dell’equitazione e per la sua ricerca sul paesaggio e le persone che lo abitano, che in questa occasione presenterà un ciclo di scatti dedicati alle Mura di Lucca, ennesimo importante omaggio al loro Cinquecentenario. Nel 2013 ha avuto l’idea di utilizzare in simultanea due macchine fotografiche identiche, al fine di ottenere immagini panoramiche dello stesso istante.

Le libere donne di Magliano”, dall’omonimo romanzo autobiografico di Mario Tobino, è il titolo della personale della pittrice e restauratrice Eleonora Rossi, in programma dal 5 al 27 luglio. Una serie di opere in cui verrà affrontato il tema della follia, attraverso la rappresentazione di ritratti dell’animo ispirati ai malati di mente e alle loro drammatiche condizioni di vita. Un viaggio nel mistero della psiche umana, ove il delirio diviene verità, la dannazione innocenza, il dolore forte sentimento.

palamidessi,orsi,pacini,delcarlo,ramacciotti

Dal 7 settembre al 6 ottobre protagonista indiscussa sarà la fotografia, con “Epea 02 – European Photo Exhibition Award”, la seconda edizione della mostra itinerante volta a valorizzare giovani talenti europei, che nell’inverno scorso ha portato a Lucca quasi cinquemila visitatori. Anche in questa edizione, dal titolo The New Social, sono quattro i paesi coinvolti nell’iniziativa: l’Italia con la Fondazione Banca del Monte di Lucca, la Norvegia con The Fritt Ord Foundation di Oslo, il Portogallo con la Fundação Calouste Gulbenkian e la Germania con la Fondazione Körber di Amburgo.

Giovanissima artista di talento dalla spiccata sensibilità, Sofia Rondelli porterà in mostra, dal 15 novembre al 7 dicembre, le sue opere pittoriche in cui riesce a cogliere l’essenza della natura e dell’esistenza attraverso i suoi personalissimi rimandi letterari. La sua poetica, che abbraccia il genere fantastico e si fa interprete di figure umane pervase di melanconia, presta un’attenzione sensibile verso la superficie di lavoro in vista di un raggiungimento equilibrato ed armonioso all’interno della commistione pittorica. La mostra sarà un vero e proprio “Elogio del dormiente”. Ventiduenne, Sofia Rondelli è la più giovane artista in assoluto ad essere ospite della Fondazione BML. Di lei si sono occupati, tra gli altri, grandi artisti del calibro di Omar Galliani, Fabio Sciortino e Claudio Cargiolli.

A Marco Manzella toccherà  il compito di traghettare al 2015 questo ricco e ambizioso programma artistico. “Il bosco sacro e altri racconti” è il titolo della mostra del noto artista, che esporrà dal 13 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015. La passione per la pittura antica, soprattutto per quella toscana che va dal Trecento al Cinquecento, caratterizza da sempre il fare pittorico di Manzella. Un’arte che porta in scena una narrazione semplicemente suggerita, aperta, non del tutto svelata. Individuare una storia e provare a raccontarla in un’immagine che ne sia la sintesi: è questo l’obbiettivo del grande pittore. La sensazione davanti alle sue opere è quella di un’immobilità cristallizzata in un silenzio sacrale, in cui gli elementi iconografici sembrano in attesa di un avvenimento imminente o che tarda ad accadere. 

Prosegue e si rinsalda anche quest’anno la collaborazione tra l’Associazione di musica contemporanea “Cluster”, presieduta dal noto maestro Francesco Cipriano, e la Fondazione Banca del Monte di Lucca, al fine di realizzare per quattro esposizioni altrettante composizioni sonore originali, scritte appositamente dai compositori della “Cluster”.

Il programma degli eventi espositivi offerti alla città dalla Fondazione BMLèmesso a punto dallo staff tecnico-scientificodella Fondazione, presieduto dal dottor Pietro Roni, consigliere di amministrazione della Fondazione BML, e composto dal critico d’arte Marco Palamidessi, dall’architetto Alessandra Guidi e dal pittore Giampaolo Frizzi.

Per info: www.fondazionebmluccaeventi.it

Ingresso libero a tutte le esposizioni

Calendario ed orari di apertura differenziati per ciascun evento

Sede espositiva: Palazzo della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Piazza San Martino, 7 – 55100 Lucca

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi