Header ad
Header ad
Header ad

Canone Rai: i modi legali per evitare di pagare

Tra pochi giorni scade la tassa sulla tassa sul possesso della TV. In realtà l’esenzione è più facile del previsto, basta consultare il sito stesso dell’azienda

Attenti al canone. L’appuntamento con la tassa sul sistema radio-tv, che ci costa 113,50 euro, (e forse proprio per questo una delle più odiate dagli italiani), è arrivato puntuale come tutti gli anni. Scade infatti il 31 gennaio il termine ultimo per pagare l’odioso balzello. L’imposta non è un abbonamento ai canali Rai, bensì una tassa sul possesso del televisore. Ma ci sono dei modi per evitare di pagarlo? O meglio, chi è esente dal pagamento? In realtà l’esenzione è più facile del previsto, basta consultare il sito stesso dell’azienda.

La fascia d’età esente dal pagamento – Tra gli italiani che non devono pagare il canone rientrano gli anziani over 75, con reddito o pensione inferiore ai 517 euro al mese. Per questa fascia sarà sufficiente entrare nel sito dell’Agenzia delle Entrate, scaricare l’apposito modulo e spedirlo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate, Ufficio Torino 1 – SAT Sportello Abbonamenti Tv Casella Postale 22 10121 Torino.

Il suggellamento –  Il secondo modo per non pagare la tassa è quello di spedire un vaglia di 5,16 euro, inviando una lettera all’indirizzo sopra riportato con cui si richiede di bloccare la propria tv. Indispensabile naturalmente è specificare come causale la volontà di voler suggelare l’apparecchio.

Il canone non va in eredità – In caso di decesso gli eredi, con una reale dimostrazione, possano disfarsi del dipositivo sempre tramite il suggelamento, ma attenzione alle scadenze. Infatti, sia per i titolari che per gli eredi, questa soluzione in effetti non è più valida per il 2014, ma entro la fine dell’anno è possibile fare la richiesta per disdire l’abbonamento dal prossimo anno.

Se si è proprietari di più appartamenti – Se l’Imu va pagata sulla seconda casa per il canone questa regola non si applica. Il titolare di più immobili e con televisori in entrambi gli appartamenti, deve pagare una sola volta la tassa. Nel caso invece in cui un appartamento sia affittato, il canone spetta all’inquilino. In caso di furto, vendita o di regalo del dispositivo, è possibile mandare una disdetta, ma anche in questo caso l’attenzione alla tempistica è fondamentale.

Fonte http://www.liberoquotidiano.it/

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi