Header ad
Header ad
Header ad

Mutuo aiuto, sono 50 i gruppi in Provincia di Lucca


I dati della ricerca saranno presentati a Palazzo Ducale durante il seminario “Una storia, tante storie”

LUCCA (24 gennaio). Sono 50 i gruppi di auto mutuo e aiuto attivi nella Provincia di Lucca. La Versilia è il territorio che ne conta di più (25). Seguono Lucca e Piana (15) e Valle del Serchio e Garfagnana (10), che però ha il maggior numero di gruppi in rapporto al numero degli abitanti (uno ogni 5.862 persone). Tutti i dati saranno resi noti domani, sabato 25 gennaio, nel corso del seminario “Una storia, tante storie. I gruppi di auto e mutuo aiuto nella Provincia di Lucca: una risorsa per gli individui e la comunità” (Sala Maria Luisa di Palazzo Ducale, ore 9-13) organizzato dal Centro Nazionale per il Volontariato insieme all’Associazione Communitas e in collaborazione con Cesvot.
I dati presentati sono frutto della ricerca sui gruppi di auto e mutuo aiuto (Gama) realizzata da Communitas con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e saranno presentati da Giovanna Fonte e Daniele Stefanelli.
Dopo gli interventi di Pier Giorgio Licheri (vicepresidente Cnv) e Elvio Raffaello Martini (presidente Communitas), è inoltre in programma una tavola rotonda alla quale parteciperanno istituzioni e rappresentati di gruppi di auto e mutuo aiuto della provincia, che si confronteranno sui dati raccolti. Tra gli altri, saranno presenti il vicesindaco di Lucca Ilaria VietinaLuigi Rossi (Usl2 Lucca), Guido Intaschi (Usl12 Versilia) e Franco Severi (delegazione Cesvot di Lucca). La relazione conclusiva è affidata a Patrizia Meringolo, docente di psicologia di comunità dell’università di Firenze.
“L’interesse di Communitas a intraprendere una ricerca sui gruppi di auto e mutuo aiuto nella provincia di Lucca – è scritto nell’introduzione della ricerca – nasce dalla convinzione che questi gruppi siano, in generale e anche sul nostro territorio, poco valorizzati, poco conosciuti e poco raccontati nella loro specificità e peculiarità. Se fossero più conosciuti e meglio promossi, potrebbero essere una risorsa più utilizzata anche dai servizi sociali e sanitari e uno strumento utile per rendere i cittadini più partecipi, anche nell’ambito della promozione della salute e del benessere”.
Il seminario conta sul patrocinio della Provincia di Lucca, Comuni di Lucca e Gallicano, Consulta del volontariato del comune di Seravezza, Usl2 e Usl12 e della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. All’evento hanno collaborato anche Arcat Toscana, Filo di Arianna e Filo d’incontro di Gallicano.

volantino mail gama 16.01.2014

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi