Header ad
Header ad
Header ad

Rinasce Palazzo Boccella a San Gennaro: oggi, sabato 14 dicembre l’inaugurazione ufficiale

Torna all’antico splendore Palazzo Boccella a San Gennaro. Il cinquecentesco palazzo, al termine dei lavori di riqualificazione, diventa sede della Scuola di Alta Formazione in Management dell’Accoglienza e delle Discipline Enogastronomiche (MADE), dalla quale usciranno operatori qualificati nei settori della ristorazione e dell’accoglienza turistica, e viene messo a disposizione dei cittadini per corsi di specializzazione e incontri sui temi della cucina, del vino e dei prodotti tipici.

L’opera, una delle più importanti che siano mai state realizzate a Capannori negli ultimi anni, è stata compiuta dalla Fondazione Palazzo Boccella, ente che vede il coinvolgimento del Comune di Capannori, socio di maggioranza, Provincia di Lucca, Camera di Commercio di Lucca, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Fondazione Banca del Monte di Lucca. Alla Fondazione Campus è invece affidata la direzione scientifica della scuola “Made”.

L’immobile sarà inaugurato sabato 14 dicembre alle ore 10.30 nel corso di una cerimonia alla quale prenderanno parte Romano Citti, presidente della Fondazione Palazzo Boccella, Giorgio Del Ghingaro, sindaco di Capannori, Stefano Baccelli, presidente della Provincia di Lucca, Claudio Guerrieri, presidente della Camera di Commercio di Lucca, Arturo Lattanzi, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Alberto Del Carlo, Presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Paola Pardini, direttore della Fondazione Campus, Giacomo Boesso, docente del Corso di laurea in scienza e cultura della gastronomia e della ristorazione dell’Università degli studi di Padova, Hailin Qu, Regents Professor, School of Hotel and Restaurant Administration dell’Oklahoma State University, oltre ad ex amministratori. Sarà una giornata di festa a cui è invitata a partecipare tutta la popolazione, che potrà visitare il palazzo fino alle ore 18.

L’opera è stata mostrata stamani (giovedì) in anteprima alla stampa nel corso di un sopralluogo guidato dai rappresentanti degli enti coinvolti nella Fondazione Palazzo Boccella. Erano presenti: Romano Citti, presidente della Fondazione Palazzo Boccella, Giorgio Del Ghingaro, sindaco di Capannori, Claudio Guerrieri, presidente della Camera di Commercio di Lucca, Marcello Petrozziello, per la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Luigi Rosi, della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Antonio Abatangelo, della Fondazione Campus, Michele Martinelli, ex sindaco di Capannori ed ex presidente della Fondazione Palazzo Boccella e Riccardo Fratino anch’egli ex presidente della Fondazione Palazzo Boccella.

L’edificio. Palazzo Boccella si articola su tre piani, per una superficie complessiva di 1100 metri quadrati. Una delle parti più importanti dell’immobile è il primo piano, che è dedicato alla formazione con tre aule, un salone e una sala di lettura. Il secondo piano ospita 9 camere dotate di servizi indipendenti, per un totale di 20 posti letto. Al piano terra trovano posto una cucina professionale, e ambienti per la ristorazione degli studenti, spazi ricreativi e un punto espositivo e multimediale, oltre a un giardino esterno. La particolare posizione del palazzo, che sorge sulle colline di Capannori, permette di avere una suggestiva veduta sulla Piana di Lucca e sulla Valdinievole.
La scuola. Made, che prevede la frequenza per 25 studenti all’interno della struttura di San Gennaro di Capannori, intende completare la formazione dei diplomati con un percorso a carattere professionalizzante, rivolgendosi principalmente a giovani provenienti da istituti alberghieri e istituti tecnici per il turismo. Il bacino di utenza è quindi ampio, se si considera che in Toscana ogni anno circa 800/900 giovani conseguono questi titoli di studio. L’attività di Made inizierà dall’anno scolastico 2014/15.
L’estate di Palazzo Boccella. La Fondazione Palazzo Boccella inoltre si impegnerà in numerose attività  extrascolastiche che vedranno il coinvolgimento delle aziende agricole del territorio, dei consorzi del vino e di tutte le realtà associative del settore enogastronomico. La creazione di un’offerta di “svago” connessa all’alimentazione consentirà a un pubblico più vasto di avvicinarsi a una disciplina in continua evoluzione e intorno alla quale si va sviluppando un interesse sempre maggiore. Durante i fine settimana e nei mesi estivi saranno organizzati corsi di cucina base e avanzata tenuti da cuochi di fama internazionale, lezioni e seminari sull’alimentazione, degustazioni di olio e di vino, convegni ed eventi a tema che vedranno la partecipazione attiva degli studenti della Scuola MADE.
La storia. Palazzo Boccella fu costruito nei primi anni del XVI secolo ad opera di Enrico Boccella. Dopo la morte nel 1877 di un membro della famiglia, Cesare Boccella, ministro della Pubblica Istruzione del Granducato di Toscana dal 1849 al 1854, la proprietà fu acquisita dai Fatinelli, un’altra famiglia del luogo. L’edificio fu quindi destinato a usi vari, tra cui un allevamento di bachi da seta e una scuola elementare. Il palazzo fu poi oggetto di vari passaggi di proprietà fino all’acquisto da parte del Comune di Capannori, sotto l’amministrazione guidata da Ilio Micheloni, nel 1998. Nel 2002 fu costituita la Fondazione Palazzo Boccella con lo scopo di salvare dal declino il palazzo e valorizzarlo.
Per informazioni:
www.palazzoboccella.it
Dichiarazioni

Romano Citti, presidente della Fondazione Palazzo Boccella

“E’ un vero onore e una grande emozione essere giunti al termine di questa importante opera di ristrutturazione. Questo, tuttavia, è per la Fondazione Palazzo Boccella un punto di partenza per nuovi e sempre più entusiasmanti progetti che vedranno coinvolti gli enti soci, le aziende agricole, i consorzi del vino e tutte le realtà associative del settore enogastronomico del nostro territorio per fare sì che Palazzo Boccella si qualifichi come un’eccellenza in campo nazionale e internazionale”.

Giorgio Del Ghingaro, sindaco del Comune di Capannori

“Per merito dell’impegno di tutti i soggetti che fanno parte della Fondazione abbiamo riconsegnato alla comunità un edificio storico. Un’opera preziosa e allo stesso tempo importante, che darà lustro e farà conoscere ancora meglio il territorio di Capannori grazie a una scuola d’eccellenza che non ha eguali in Toscana. San Gennaro diventerà quindi un ‘Polo dell’enogastronomia’ andandosi a unire al ‘Polo della cultura’ di Tassignano e al ‘Polo Tecnologico’ di Segromigno in Monte”.

Stefano Baccelli, presidente della Provincia di Lucca

“Un edificio che ha in sé una storia antica e che adesso torna a nuova vita, con una nuova destinazione, a disposizione della comunità e dei giovani, in particolare. È bello infatti, come componenti della Fondazione Palazzo Boccella, aver contribuito alla trasformazione di questo luogo per vedervi sorgere addirittura una scuola di alta formazione. Questo è un esempio di come la sinergia tra gli enti può portare risultati davvero significativi, un passato e una storia, adesso a servizio del futuro dei giovani”.

Claudio Guerrieri, presidente della CCIAA di Lucca

“Ringrazio il Presidente Romano Citti per il risultato ottenuto. La nascita della Scuola MADE fornisce risposte concrete e qualificate alle esigenze dell’industria del turismo che nella provincia di Lucca registra da anni una continua evoluzione e un costante incremento della domanda”.

Arturo Lattanzi, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

“Questo particolare progetto formativo è testimonianza dell’idea ampia e non elitaria di istruzione che da anni perseguiamo. La Fondazione Cassa di Risparmio, infatti, negli ultimi anni ha investito con convinzione nell’Alta Formazione in provincia di Lucca”.

Alberto Del Carlo, presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca

“Finalmente il recupero di questo bel Palazzo dopo tante vicissitudini è giunto al termine, grazie anche alla buona volontà e alla competenza del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Palazzo Boccella ed in particolare del suo presidente. Ora la nuova sfida è di utilizzarlo al meglio al servizio del territorio. L’attività formativa nel campo del turismo e della cultura enogastronomica a cui è destinato nasce sotto i migliori auspici, visti i numerosi enti che la sostengono e la professionalità di chi la gestisce”.

Paola Pardini, direttore Fondazione Campus

“Per la Fondazione Campus è un privilegio partecipare sin dall’inizio all’attività dell’appena inaugurato Palazzo Boccella attraverso il progetto Scuola Made – Management della Accoglienza e Discipline Enogastronomiche – che rappresenterà una delle più qualificate attività di formazione avanzata della nostra Istituzione”.

Scuola Made – Progetto formativo

Il progetto formativo è articolato in tre trimestri. I primi due prevedono attività formative d’aula con l’erogazione di quattro corsi per trimestre. Oltre agli insegnamenti curriculari, gli studenti frequenteranno almeno due “Laboratori” collegati. Le attività di laboratorio vedranno anche l’attivo coinvolgimento di aziende del territorio.
Di seguito il percorso formativo curriculare di Scuola MADE:

Percorso di studio Curriculare
1 Elementi di chimica e microbiologia degli alimenti
2 Economia dell’azienda turistica
3 Storia dell’agricoltura e dell’alimentazione
4 Laboratorio di analisi sensoriale
5 Storia e geografia del territorio
6 Laboratorio di gastronomia
7 Nutrizione e dietetica
8 Contabilità e bilancio per le aziende turistiche

Il percorso curriculare sarà integrato da attività extra curriculari finalizzate a stimolare gli studenti in attività formative a contenuto professionalizzante e curate da formatori provenienti dal mondo dell’impresa e delle professioni del territorio.
Di seguito si riporta l’esempio di un possibile percorso extra curriculare di Scuola MADE:Attività Extra Curriculari
1 Gestione della Residenza Boccella – Colazione e pasti
2 Gestione dell’orto biologico
3 Gestione del piccolo allevamento
4 Attività di panificazione
5 Laboratorio comportamentale e soft skills
6 Laboratorio sulla cultura dell’accoglienza
7 Stages
8 Orientamento al mondo del lavoro

Nel terzo trimestre è previsto lo svolgimento di uno stage conclusivo, in Italia o all’estero, coerente con il percorso formativo della Scuola.

Al termine del terzo trimestre gli studenti potranno decidere se continuare la propria attività di studio, iscrivendosi all’Università, o se entrare nel mondo del lavoro.

Nel primo caso, gli studenti potranno chiedere il riconoscimento di CFU presso il corso di laurea triennale in Scienze del turismo di Lucca e presso gli altri corsi di studio triennali erogati da altri Atenei italiani con cui la Scuola avrà stabilito accordi in questo senso.

Nel secondo caso, gli studenti che vorranno entrare nel mondo del lavoro verranno supportati dal servizio Career Service della Fondazione Campus.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi