Header ad
Header ad
Header ad

CARMEN al Teatro del Giglio

Teatro del Giglio di Lucca
Lirica • Stagione 2013/2014

Carmen

Opéra-comique in quattro atti su libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy
dalla novella omonima di Prosper Mérimée
Musica di Georges Bizet

  • Sabato 23 novembre ore 20.30
  • Domenica 24 novembre ore 16.00
Edizioni Schott. Rappresentante per l’Italia: Casa Musicale Sonzogno di Piero Ostali, Milano. Edizione critica di Robert Didion.
Direttore d’orchestra Carlo Goldstein
Maestro del coro Marco Bargagna
Maestro del Coro Voci Bianche Marisol Carballo
Regia Francesco Esposito
Scene Nicola Bruschi
Luci Bruno Ciulli
Costumi del Teatro Alighieri di Ravenna (Costumista Alessandro Lai)

Carmen Agata Bienkowska, Annunziata Vestri
Don José Mickael Spadaccini, Dario Di Vietri
Escamillo Paolo Pecchioli, Valdis Jansons
Micaela Valeria Esposito, Ilona Mataradze
Zuniga Franco Rossi, Veio Torcigliani
Morales Alessandro Calamai, Salvatore Grigoli
Il Dancairo Giampiero Cicino, Alberto Zanetti
Il Remendado Murat Can Guven, Andrea Schifaudo
Frasquita Paola Santucci, Michela Antenucci
Mercedes Lara Rotili, Irene Molinari

Orchestra della Toscana

Banda dell’Orchestra della Toscana
Coro della Toscana diretto da Marco Bargagna
Coro Voci Bianche della Fondazione Teatro Goldoni diretto da Marisol Carballo

Nuovo allestimento, coproduzione  del Teatro di Livorno, Teatro del Giglio di Lucca, Teatro di Pisa e Teatro della Fortuna di Fano

Dopo l’iniziale e “scandaloso” insuccesso all’Opéra-Comique di Parigi il 3 marzo 1875, Carmen, variamente tagliata, modificata e rivista dall’autore (la cui prematura e misteriosa morte nel giugno dello stesso anno gli impedì di godere del futuro successo del suo più fortunato lavoro) e, dopo la sua scomparsa, dall’amico Guiraud, si impone nel tempo come una delle opere più fresche e amate di tutto il repertorio lirico. Uno dei più grandi estimatori dell’opera fu Čajkovskij che, menzionando Carmen, così si esprimeva: “si tratta di una musica così affascinante nella sua semplicità, così viva, così sincera e naturale, che ho imparato quasi tutta l’opera a memoria dall’inizio alla fine!”. Ma, non celata dalla disinvolta piacevolezza delle melodie, vera anima di Carmen è il fine scavo nei luoghi della psicologia umana, della passionalità e dell’istinto, dei conflitti primari. La Spagna ricreata da Bizet (che, per la cronaca, in terra iberica mai mise piede) assurge così a luogo universale in cui si muovono e giganteggiano, nella loro umanità, i caratteri vividi di Don José e Carmen.

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi