Header ad
Header ad
Header ad

La ricetta dei Ciacci

I ciacci, che in pochissimi conoscono, sono una specialità tipica emiliana, particolarmente legata alle zone di Zocca e Montese, in provincia di Modena. La loro preparazione, piuttosto facile, è data da un impasto di farina ed acqua semi-solido, detto “colla”, che, dopo un periodo di riposo di circa mezz’ora, viene fatto cuocere in “cotte” (piastre) di metallo scaldate sul fuoco. Ottimi da gustare farciti con salumi, formaggi, cicoria ripassata e tutto ciò che stuzzica la vostra gola e la vostra fantasia!
Ingredienti: 
Farina: 500 g, tipo 0,
Sale: 15 g,
Acqua: 2 l circa,
Olio extravergine d’oliva: per ungere le cotte,
Lardo: 200 g macinato,
Aglio: 1 spicchio,
Rosmarino: 1 rametto,
Patate: 1/2 per spandere l’olio,
Preparazione dei Ciacci

In un contenitore piuttosto capiente preparare un impasto con 1/2 kg di farina, 15 grammi di sale e acqua quanto basta. Volendo si può utilizzare l’acqua minerale, ma va benissimo anche l’acqua naturale del rubinetto di casa. L’acqua va aggiunta con moderazione, altrimenti si rischia poi di dover integrare altra farina all’impasto. Si diluisce pian piano la farina cercando di mescolare molto perchè non rimangano dei grumi.

Quando la “colla” è fatta, bisogna lasciarla riposare almeno mezz’ora prima di usarla, per dare modo alle molecole di acqua e di farina di amalgamersi bene tra loro. Se questa operazione non è fatta alla perfezione, quando si versa la colla sulla cotta bollente, l’acqua schizzerà via. Prima di usare l’impasto bisogna mescolarlo ancora un po’. Quando è il momento di procedere alla cottura bisogna scaldare le cotte, che una volta erano di ferro.

Ungete le cotte con dell’olio e, per spanderlo bene su tutta la superficie della piastra, aiutatevi con una mezza patata, oppure mezza mela o mezzo limone.  Anziché l’olio si può usare, come facevano una volta, la cotenna del maiale. Quindi si versa un mestolo di impasto sulla cotta e, una volta steso, ci si appoggia sopra la seconda cotta.

Devono rimanere sul fuoco complessivamente 7-8 minuti, quindi sono pronti da condire.

Quando sono ancora caldi, strofinateli con uno spicchio d’aglio e poi farcite con il lardo macinato, la “cunza”, e un po’ di rosmarino.

Fonte Mondo del Gusto –  http://www.mondodelgusto.it/

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi