Header ad
Header ad
Header ad

Cinque grandi nomi della musica mondiale per l’evento clou del Festival IAM

Grande evento di musica da camera a Castelnuovo Garfagnana

Cinque grandi nomi della musica mondiale per l’evento clou del Festival IAM

Al Teatro Alfieri il 6 luglio Berlinsky, Kijanowska, Bagratuni, Lotto e Mainolfi

Grande concerto evento, sabato 6 luglio a Castelnuovo Garfagnana per l’undicesimo anno del Festival IAM International Academy of Music, la prestigiosa kermesse che fino a domenica animerà la Valle del Serchio, organizzata dalla Scuola Civica di Musica di Castelnuovo con il Comune di Castelnuovo, la Provincia di Lucca ed altri Comuni e partner istituzionali, con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca e Banco di Credito Cooperativo di Versilia Lunigiana e Garfagnana.

Dopo il grande successo degli appuntamenti con gli studenti arrivati dai cinque continenti per migliorare la loro preparazione musicale, a salire sul palco del Teatro Alfieri, alle 21,15 (costo dei biglietti 10 euro intero, ridotto 5) sono i grandi nomi internazionali: primo fra tutti Dmitry Berlinsky, una delle stelle del Festival, il più giovane vincitore nella storia del Premio Paganini di Genova con all’attivo affermazioni internazionali in altri concorsi come il Tchaikowsky di Mosca e il Queen Elisabeth di Bruxelles. E’ raro trovare un artista che abbia raggiunto le impeccabili credenziali di Dmitri Berlinsky, che si è esibito con le maggiori orchestre d’Europa, Russia, e delle Americhe e molto richiesto anche come insegnante.

Con lui Anna Kijanowska, astro emergente del pianismo mondiale che si esibirà nel Rondò Capriccioso di Saent-Saens.

Suren Bagratuni, brillante carriera internazionale sia come solista che in formazioni di musica da camera, ha riscosso ovunque nel mondo lodi entusiastiche, tanto nel repertorio tradizionale che contemporaneo, ed ha inciso per importanti etichette quali Ongaku, BGR, Meloydia, Marco Polo, Russian Disc, Cambria e CMH. Dopo anni di insegnamento alla New England University dell’Illinois, Suren Bagratuni è artista e docente alla Michigan State University College of Music. In questi giorni sta tenendo lezioni anche agli studenti di IAM, e sabato sera suonerà al fianco del grande pianista Albert Lotto, vincitore tra gli altri al Concorso Busoni di Bolzano e del concorso internazionale di Montreal, proponendo la Sonata per violoncello e pianoforte op. 38 di Brahms.

Questa memorabile serata si concluderà, nella seconda parte, con il Trio di Schubert D898: ad eseguirlo Dmitry Berlinsky, Suren Bagratuni e Massimiliano Mainolfi. Quest’ultimo è direttore artistico di IAM e supervisore della divisione Musica da Camera al Summit Music Festival di New York, brillante carriera di studi, insegnamento e concerti di livello internazionale, autore di diverse incisioni per le etichette Ducale, Lyra Classica, Claves Records e per la Deutschland Radio, DRS, Rai 3, Radio Espace 2.

Per informazioni: www.iamitalia.com e www.facebook.com/FestivalIAM

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi