Header ad
Header ad
Header ad

Inaugurata a Ponte a Moriano la nuova centrale idroelettrica

ENERGIE RINNOVABILI: inaugurata stamani (23-05-2013) a Ponte a Moriano la nuova centrale idroelettrica di Serchio Power. Dà energia a 5000 persone

Lucca – Un investimento privato di oltre 5 milioni di euro, finanziato in gran parte da Mps Capital Services, una concessione trentennale rilasciata dalla Provincia di Lucca per l’uso e la gestione dell’impianto, un impatto ambientale e paesaggistico praticamente nullo e una produzione di energia tale da soddisfare il fabbisogno annuo di circa 5000 persone. Sono questi alcuni tra i dati più rilevanti della nuova centrale idroelettrica inaugurata oggi (giovedì) in località S. Gemignano, vicino Ponte a Moriano, nel comune di Lucca, realizzata dalla “Serchio Power srl”, società del gruppo “Terra Uomini e Ambiente” di Castelnuovo Garfagnana.

Al taglio del nastro erano presenti, tra gli altri, il presidente della Provincia di Lucca Stefano Baccelli con l’assessore provinciale alla difesa del suolo Diego Santi e il dirigente del servizio difesa del suolo Gennarino CostabileNazzareno Belleggia Giovanni Corrieri, rispettivamente presidente e direttore tecnico della società Serchio Power, il responsabile finanziario di Terra Uomini e Ambiente Franco Reali, e Rino Rossi responsabile direzione commerciale centro-nord di Mps Capital Services.

La centrale si trova sulla traversa esistente del fiume Serchio (più conosciuta come la traversa di Vinchiana), realizzata 7 metri sotto il livello delle acque, ed è per questo motivo che praticamente non è quasi visibile. Un’opera strutturale specificatamente costruita per la produzione di energia elettrica che è stata quantificata in 5.500 MWh, pari al fabbisogno annuo di almeno 1600 famiglie, circa 5000 persone nel complesso, se si considera una media di tre unità a nucleo familiare. Com’è stato spiegato nel corso dell’inaugurazione, l’investimento per la realizzazione del nuovo impianto è stato di oltre 5 milioni di euro, coperto da risorse proprie della società e da un finanziamento di Mps Capital Services Banca per l’Impresa, la corporate and investment bank del Gruppo Montepaschi, mentre la società ha realizzato l’opera su concessione della Provincia di Lucca con diritto trentennale.

Tecnicamente la concessione provinciale prevede l’utilizzo di una portata media annua di 15 m cubi al secondo per un salto di 6 metri per una potenza di concessione di 882 kw. L’amministrazione provinciale ricaverà 88 mila euro l’anno derivanti sia dai diritti di concessione idraulica (13mila), sia dal canone di utilizzo della traversa sul Serchio (75mila), risorse che – come ha spiegato il presidente Baccelli – saranno reinvestite dall’ente per interventi di difesa del suolo. Un canone che secondo la convenzione dovrà essere rivisto dopo il 15° anno. Dal punto di vista amministrativo, l’impianto ha ottenuto le autorizzazioni dalla Regione Toscana nel giugno 2009 e della Provincia di Lucca nel giugno 2010.

I rappresentanti della società Serchio Power hanno sottolineato l’importanza del progetto, in particolare come un nuovo impegno aziendale nel segno della diversificazione e dell’innovazione, oltre ad un esempio di interazione nell’ottica dello sviluppo territoriale tra pubblico e privato. Oltre alla collaborazione tra soggetto pubblico e privato, è stato rimarcato, inoltre, il fatto che, in un periodo di forte crisi come quello attuale, la ricaduta positiva di indotto è tutta sul territorio nazionale e locale: le turbine della centrale, infatti, sono state realizzate dalla ditta ‘Zeco’ di Vicenza, e i materiali utilizzati e alcuni lavori specifici sono stati curati da ditte della provincia di Lucca.

I dirigenti di “Serchio Power” e “Terra Uomini e Ambiente” hanno colto l’occasione per annunciare che prossimamente sarà inaugurata anche l’altra centrale realizzata dal gruppo sulla traversa del fiume al Piaggione. E anche la realizzazione di quest’opera, insieme col progetto di Ponte a Moriano, ha permesso all’azienda di “auto-prodursi” lavoro in un momento di difficoltà, consolidando i livelli occupazionali e recuperando, al contempo, professionalità locali da aziende in crisi. Nonostante i disagi e gli eventi alluvionali di ottobre e novembre scorsi, la centrale idroelettrica di Ponte a Moriano è stata resa operativa dall’inizio del 2013 (la connessione dell’impianto di S. Gemignano è stata effettuata il 31 dicembre 2012).

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi