Header ad
Header ad
Header ad

TARA DEGL’INNOCENTI la Janis Joplin italiana

E’ STATA DEFINITA LA JANIS JOPLIN ITALIANA: TARA DEGL’INNOCENTI E I THE ROSE – JANIS JOPLIN TRIBUTE BAND

Qualche tempo fa, ascoltando un concerto live al pub “ZIO ROCK” di Lucca, sentii per la prima volta in tanti anni, una cover band veramente eccezionale: I THE ROSE-Janis Joplin Tribute Band. Gruppo fondato dieci anni fa dalla cantante Tara degl’innocenti e nata dal suo profondo amore per Janis Joplin.
Tara è una ragazza molto grintosa con una voce pura, senza strozzature vocali ne falsetti e per cantare Janis, non parlo di imitare la cantante texana, o si possiede delle capacità vocali di livello o il risultato è solo una brutta imitazione.

Con i THE ROSE si assiste ad uno spettacolo che fa vivere il sound dei mitici anni 60, ciò è merito di ottimi elementi quali Oscar Bauer (chitarrista e cori), Alberto Battolini detto “Cappello” (batterista e cori) un’anima degli anni ’60, Marco Zenzocchi detto ” Zeenze” (basso). Tutti ottimi musicisti che suonano ancora con quella passione che mette una marcia in più all’esibizione.

La qualità dei loro concerti è data anche da un forte impatto visivo: la band indossa abbigliamento tipico di quegli anni e Tara indossa costumi identici a quelli che indossava Janis Joplin, che si fa creare su misura, non tralasciando neppure la cura di tutti quegli accessori che la grande artista americana indossava durante le sue esibizioni.

Iniziando a seguire più da vicino i The Rose mi sono resa conto di quanto  in Tara Degl’Innocenti ruggisce Janis Joplin e comprendo il suo successo anche a livello internazionale.
Nel futuro di Tara c’è un disco dedicato ad una bambina, Sara, dove si può constatare sempre l’influenza della Joplin. Poi, assieme al suo amico e musicista Francesco Addis, Tara sta lavorando ad un progetto chiamato TARA ACUSTIC EXPIRIENCE (potete trovare le novità sulla pagina facebook): dove la voce pura e potente di Tara canta su sound rock anni ’60 e ’70 in versione acustic, accompagnata dalla chitarra di Addis.

Di Cristina SANNAZZARO

Related posts

Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitycs. Potrebbero inoltre essere installati cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione accetti la policy del sito. Per ulteriori informazioni clicca sul link predisposto. Info | Chiudi